Abbiategrasso: Pd e 5 Stelle contro la querela a Sara Manisera

285
Dal sito www.saramanisera.com

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Delibera della giunta Nai per querelare una giornalista

Silenzio alla stampa!

 

ABBIATEGRASSO L’imminenza delle elezioni porta un po’ dovunque la destra a mostrare i muscoli e togliere la maschera di affidabilità che la comunicazione ufficiale tenta di costruirle attorno.

Sono ormai numerose le uscite scomposte di esponenti dei partiti che sostengono Meloni e Salvini, incapaci di governare la propria voglia di resa dei conti.

Perfino la sonnacchiosa giunta di Abbiategrasso se ne è uscita con una decisione che francamente lascia basiti.

La giunta Nai, al gran completo, ha deliberato nella propria seduta del 1 settembre la delega al Sindaco per querelare Sara Manisera, nota giornalista free lance, che in un intervento dell’8 giugno alla presenza del Procuratore della Repubblica di Catanzaro Nicola Gratteri, nel comune calabrese di Cutro, ha parlato della propria convinzione che ad Abbiategrasso ci siano infiltrazioni mafiose, ricordando peraltro la nota preferenza delle organizzazioni criminali per gli investimenti sul cemento e sui centri commerciali.

L’intervento è stato ripreso da qualche presente e pubblicato sui social.

Sara Manisera è una giornalista giovane ma molto esperta e coraggiosa, impegnata da anni a combattere contro lo sfruttamento dell’immigrazione, della prostituzione e del lavoro nero e sottopagato.

La giunta Nai, con ritardo sospetto e con chiara attenzione ai tempi elettorali, invece di invitare la Manisera a presentarsi alla Magistratura per presentare eventuali prove in suo possesso, ha ritenuto opportuno sfoderare l’artiglieria pesante per tutelare il proprio onore, puntando ad una querela a spese dei cittadini.

Purtroppo questa brillantezza non si è vista qualche mese fa quando è stata respinta la richiesta congiunta delle opposizioni di nominare ad Abbiategrasso una commissione antimafia, particolarmente preziosa per tutelare un territorio palesemente molto ambito dalle mafie, come dimostrato da numerose indagini delle forze dell’ordine e come stabilito da varie sentenze della Magistratura.

La commissione sarebbe stata un segnale molto forte lanciato alle organizzazioni criminali, perchè avrebbe mostrato l’evidenza di un territorio attento a proteggersi e capace di tenere alta la soglia dell’attenzione: torneremo a riproporla fermamente.

Condanniamo questa scelta della Giunta perché riteniamo inopportuno che un Comune quereli una giornalista.

Proponiamo, invece, un incontro pubblico nel quale si colga l’occasione per approfondire le tematiche legate alle mafie e nel quale Manisera chiarisca le proprie argomentazioni.

 

Partito Democratico Abbiategrasso e Cassinetta di Lugagnano

M5S Abbiatense

Articolo precedenteElezioni/2: domani candidati del Terzo Polo ad Abbiategrasso, venerdì i Giovani Democratici a Magenta
Articolo successivoCorbetta: quarant’anni di vita per la Cooperativa del Sole, una realtà che ha ridato dignità a tantissime persone (VIDEO)