NewsTerritorio

Abbiategrasso/ospedale, i duri j’accuse contro Massimo Lombardo

Da Martelli a Mantovani, il dg uscente dell'Asst è il bersaglio principale

 

ABBIATEGRASSO – Il giorno dopo la mobilitazione unitaria di sindaci e forze politiche contro la chiusura notturna del Pronto Soccorso di Abbiategrasso si tirano le somme.

La prova di forza indubbiamente c’è stata: una quindicina i sindaci presenti, consiglieri regionali, un assessore (De Corato) e l’ex assessore alla Salute, Mario Mantovani.

Leitmotiv di molti degli interventi è stata la critica, dura e aperta, al Direttore Generale dell’Asst Ovest Milanese, Massimo Lombardo.

Ed è anche comprensibile; è sotto la sua direzione, del resto, che il Ps ha chiuso dopo le 20, ed è stato sempre Lombardo a difendere la scelta attuata, puntando comunque a dare l’immagine di un ospedale (il Cantù) che cerca ugualmente di rafforzarsi. E le conferenze stampe condotte dal dottor Schieppati, direttore dei nosocomi di Magenta e Bià, ne è la palese dimostrazione.

Molto dure le parole del sindaco di Morimondo e presidente dell’assemblea dei sindaci abbiatensi Marco Marelli, che ha invitato apertamente a recarsi sotto gli uffici del Pirellone nel caso Lombardo venisse confermato (ipotesi peraltro tutto fuorché peregrina).

Parole più concilianti ma identico significato negli interventi di Mario Mantovani e Riccardo De Corato, i quali hanno fatto un chiaro riferimento alle imminenti nomine  Massimo Lombardo è in scadenza di mandato, e a giorni Regione Lombardia diffonderà i nomi e ufficializzerà i nomi dei nuovi DG.

A scadenze regolari  Regione Lombardia provvede alla nomina dei direttori generali delle aziende del Sistema Socio Sanitario. La scadenza coincide con la fine dell’anno e vede l’entrata in vigore della regola che prevede un massimo di due mandati consecutivi.

La scelta spetta alla giunta regionale che deve pescare i nomi nell’elenco degli idonei che attualmente può contare su 210 nomi tra i quali, dopo che sarà definita una “short list” a cura di una commissione di tre esperti, verranno scelti i 35 direttori generali (27 ASST e 8 ATS). E Lombardo è inserito nella lista dei ‘papabili’.

I direttori generali avranno poi il compito di nominare i direttori amministrativi, sanitari e sociosanitari delle singole aziende pesandoli in un albo che periodicamente deve essere aggiornato e al quale si può chiedere di essere iscritti. Abbiategrasso e l’Abbiatense, insomma, hanno scelto di mettersi chiaramente di traverso rispetto alla (ri)conferma di Massimo Lombardo. Il che, di fatto, pone un evidente problema politico ai piani alti del Pirellone.

R.R.

Tag
Vedi Altro

Redazione

Redazione Ticino Notizie

Potrebbe Interessarti

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi