Abbiategrasso, l’attacco della civica La Città: anno nuovo, degrado vecchio

"Sono passati solo pochi giorni dall'inizio del 2024 ma tutto ci fa pensare che l'atteggiamento di questa amministrazione sarà lo stesso rispetto all'anno e mezzo passato"

+ Segui Ticino Notizie

Ricevi le notizie prima di tutti e rimani aggiornato su quello che offre il territorio in cui vivi.

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO – Anno nuovo, degrado vecchio. Già alcuni mesi fa avevamo segnalato la presenza di rifiuti sparsi in diversi quartieri della nostra città. Oggi evidenziamo nuovamente che la situazione di totale incuria persiste, basti vedere in questi giorni la “discarica a cielo aperto” di Via Fusè con i rischi per la salute, e per la dignità, di chi vive nel quartiere popolare. Ma non si tratta solo di incuria e rifiuti, con una gestione del servizio (così come quella del verde) che si è dimostrata deficitaria alla faccia degli eccellenti risultati di AMAGA sbandierati in conferenza stampa.

Il 2023 era partito con colpi di pistola verso le vetrine di alcuni esercizi nel centro storico ed è proseguito con risse per strada, atti vandalici, disordine pubblico, mancanza di sicurezza. Nondimeno il sindaco e la giunta hanno dimostrato e stanno dimostrando la loro totale irrilevanza politica verso la Regione: il pronto soccorso non è mai partito ed ora è stato definitivamente abbandonato anche quel surrogato che era il punto di primo intervento; il futuro del nostro ospedale continua, poi, ad essere incerto a livello generale. Sul fronte trasporti la situazione non cambia: il progetto del raddoppio ferroviario pare disperso così come i treni quasi sempre in ritardo e spesso soppressi con buona pace di cittadini, lavoratori e studenti.

Apprendiamo in questi giorni che è stato pubblicato il bando per i lavori della Tratta C (Vigevano – Albairate) della cosiddetta superstrada; alcuni mesi fa avevamo interrogato l’assessore Albetti in merito alle compensazioni richieste e previste ottenendo una risposta evasiva che rimandava la formulazione di richieste ad un tavolo con il Parco del Ticino, insomma il suo solito “vedarem”. Sono passati mesi, nulla si è più saputo nonostante altri interventi dei nostri Consiglieri nelle ultime sedute dei Consigli Comunali e ora parte la gara per i lavori. Sono passati solo pochi giorni dall’inizio del 2024 ma tutto ci fa pensare che l’atteggiamento di questa amministrazione sarà lo stesso rispetto all’anno e mezzo passato: disinteresse per la città, scarsa attenzione nei confronti dei problemi dei cittadini (sicuramente l’attenzione non ci sarà per quelli che non meritano la stima del sindaco) e continuità nella mancanza di informazione sui temi più importanti.

■ Prima Pagina

Ultim'ora

Pubblicità

Ultim'ora nazionali

Pubblicità

contenuti dei partner