Abbiategrasso, la storia di Luca finisce sulla prima pagina del Corriere (con l’elogio ai ragazzi della Lega)

    142

    Il Caffè del celebre Massimi Gramellini dedicato alla vicenda del giovane abbiatense, con l’elogio del gesto cavalleresco dei Giovani Padani. Grazie a Michele Pusterla per la segnalazione.

    ABBIATEGRASSO – In prima pagina. Sul Corriere della Sera. Questa mattina.

    IL RAGAZZO DEL TOMBINO 

    Per arrivare sui giornali, l’umanità di Luca ha dovuto farsi inghiottire da un tombino. Dei ventenni come lui non si parla mai. Così si finisce per credere che non esistano. Invece Luca è esistito. E ieri, ai funerali nella basilica di Abbiategrasso, più di settecento persone non riuscivano a smettere di ricordarlo. Certo, ha colpito l’assurdità della sua morte: affogato in un tombino mentre tentava di recuperare un mazzo di chiavi. Ma adesso a colpirci è la normalità della sua vita. L’oratorio, il basket, il prossimo. La famiglia semplice, la fidanzata tranquilla, persino una cosa demodé come l’impegno in politica. Dicono che a indurlo a infilarsi in quel tombino sarebbe stato lo scrupolo di non svegliare i genitori. Naturalmente non sapremo mai se risponde al vero, eppure la supposizione viaggiava di bocca in bocca tra coloro che scortavano la sua bara. E che tutti la ritenessero plausibile è la prova di una gentilezza d’animo poco praticata nei santuari dei media, dove i ventenni vengono spesso raffigurati come mostri incomprensibili anche a loro stessi. Luca frequentava il Partito Democratico, chissà se negli ultimi tempi si era scisso anche lui. Ma in un’epoca di ostilità gutturali e grottesche, non è un caso che questo ragazzo mite abbia ricevuto il migliore elogio funebre dai suoi avversari: «A differenza di quello che molti pensano, ci sono ancora tanti ragazzi che sognano, lottano e dedicano tempo alla passione politica. Luca era uno di loro». Firmato: i giovani della Lega Nord”.

    Una tragedia che diventa esempio: di vita, di passione, di voglia di spendersi per un ideale, con la bellezza dei 20 anni che oscura la morte.

    Massimo Gramellini, passato da qualche tempo al Corriere della Sera, dedica il Caffè di oggi a Luca Adami, ed al gesto cavalleresco dei Giovani Padani della Lega Nord, che ne hanno voluto esaltare l’impegno politico e la passione ideale, al di là degli schieramenti.

    Un Caffè da ‘leggere’ tutto d’un fiato. Ringraziamo Michele Pusterla (e la sua sensibilità) per la segnalazione.

     

    Articolo precedenteMagenta, Fratelli d’Italia domenica torna in piazza
    Articolo successivoViviamo Vittuone, mercoledì 22 incontro sulla violenza contro le donne