++Abbiategrasso, la Fiera Agricola (a costo zero) è un successo. Bertani: ‘Ed ora al lavoro per Abbiategusto’

462

 

ABBIATEGRASSO – E’ naturale- chi vive ad Abbiategrasso lo sa molto bene- che la frangia degli insoddisfatti e degli scontenti ci sia e ci sarà sempre, tuttavia bastava camminare per la città sabato e domenica per capire che la fiera Agricola 538 (organizzata in poco tempo e zero o quasi fondi) sia stata un successo.

C’è sicuramente stato lo zampino del bel tempo, del sole di sabato e di domenica pomeriggio, ma i numeri del villaggio Coldiretti in Castello, l’ottimo riscontro ottenuto dal mercato di qualità in piazza Marconi, lo Street Fodd in Fossa (un’ora di coda per un panino, sabato dalle 19 in avanti…), le bancarelle di domenica attorno al Castello, l’essere riusciti a portare anche dei mezzi agricoli..

Migliaia di persone si sono riversate in centro nel fine settimana, senza poter utilizzare la fiera di via Ticino per mancanza di fondi (l’assessore Valter Bertani lo aveva detto chiaramente, alla vigilia), hanno ovviamente portato benefici alle realtà commerciali, col Concorso Vetrine di Confcommercio come evento positivo ed ormai consolidato a dar manforte.

E’ naturalmente e visibilmente soddisfatto l’assessore alla partita (le fiere), ritornato in giunta a dieci anni dalla fine dell’esperienza di Roberto Albetti; assessore che di martedì mattina (oggi) parla di risultato ‘centrato, siamo partiti tardi e per le ben note ragioni legate al caro bollette praticamente senza fondi. Eppure la città ha vissuto, ristoranti e bar hanno lavorato, ovviamente ogni cosa può essere migliorabile, ma sinceramente penso sia davvero andato tutto oltre le aspettative della vigilia’: così Valter Bertani. 

 

“Quella di domenica è stata una giornata entusiasmante – ha aggiunto Bertani ad Habiate Web- . L’obiettivo che ci eravamo prefissi era quello di far rivivere la città, di portare le gente in centro e direi che l’abbiamo centrato in pieno. Meglio di così non poteva andare. Ho personalmente intervistato numerosi espositori e bancarellai: tutti contenti, così come i commercianti. Se tutti son contenti, son contento anch’io”. “E’ chiaro che tutto è migliorabile – aggiunge l’assessore – . Magari l’anno prossimo inseriremo anche la mostra degli animali che non abbiamo potuto esporreperchè per chiedere le autorizzazioni sanitarie occorreva tempo che noi non avevamo. Penso comunque che questo format all’aperto sia di successo, funziona e lo useremo anche per Abbiategusto. Nel 2023, avendo più tempo a disposizione, in Fiera inseriremo ulteriori novità”.

Sabato abbiamo intercettato e colto (anche) la soddisfazione del sindaco Nai, che guardava con occhio felice le persone in piazza Castello e piazza Marconi, figuriamoci domenica..

“La Fiera è stata un momento importante di festa – ha aggiunto sempre Nai ad Habiate Web – . Tanta, ma davvero tanta gente è riuscita a riempire i punti della città nei quali erano presenti le iniziative. Non posso che essere contento. Da questa Fiera ricaveremo degli utili. Non potevamo, quest’anno, mettere a disposizione risorse per questa manifestazione, abbiamo altre priorità. Lo sforzo per cercare di mantenere in equilibrio i conti è stato notevole. Un fatto, questo, che va sottolineato e a cui guardo con soddisfazione””.

E adesso, tra poco più di un mese (ultimo fine settimana di novembre), tornerà Abbiategusto. Quanto meno, cinque settimane di lavoro preparatorio.

 

 

 

Articolo precedenteTrecate: nuove visite tecnologiche dal 19 ottobre
Articolo successivoPensieri Talebani- La Destra culturale, l’identità.. e la rivolta in Iran