Abbiategrasso, la CGIL si trasferisce nell’ex Miramondi e lancia un progetto innovativo

    172

     

     

    ABBIATEGRASSO – Trasferimento in vista per la storica sede della Cgil e della Camera del Lavoro di Abbiategrasso, da tempo immemore collocati nell’edificio di via Novara, parte integrante dell’immobile che ospita la cooperativa Rinascita, casa della sinistra cittadina.

     

    L’organizzazione sindacale CGIL, Camera del Lavoro Territoriale comprensorio Ticino-Olona,
    ha infatti presentato nel mese di aprile la documentazione illustrativa dell’intervento
    che intende realizzare in parte degli immobili edificati nell’area di via Cassolnovo 9.  

    L’immobile fa parte dell’ex area industriale Miramondi ed è stato concessionato e realizzato in forza di specifici titoli edilizi quale insediamento produttivo-artigianale, è soggetto alla disciplina del “Tessuto di rinnovo e riqualificazione” del PGT (ambiti subordinati a PII). L’immobile fa parte dell’area oggetto del piano quadro di sviluppo per la riconversione dell’insediamento.

    Ora l’organizzazione sindacale CGIL intende trasferire le attività attualmente svolte presso la sede di via Novara 6, integrare ed implementare i servizi offerti, creare una biblioteca del lavoro, realizzare spazi per corsi di formazione professionale e da mettere a disposizione di altre associazioni, previo convenzionamento, organizzare spazi da destinare a coworking e incubatore di nuove imprese.

    La giunta ha preso atto che le attività che l’organizzazione sindacale CGIL intende insediare nell’immobile di via Cassolnovo rientrano tra le funzioni complementari (servizi insediativi in genere) fissate dall’art. 65 de Le Regole del Piano del PGT per il “Tessuto di rinnovo e riqualificazione”; inoltre le funzioni che verranno insediate non comportano un incremento del carico urbanistico,
    verifica effettuata in base all’art. 13 de Le Regole del Piano del vigente PGT.

    La giunta di Cesare Nai ha perciò dato via libera all’intervento,  impegnando inoltre l’organizzazione sindacale CGIL ad eseguire a propria cura e spese opere di miglioria del marciapiede antistante l’immobile di via Cassolnovo 9, da concordare preventivamente con gli uffici competenti del Settore Sviluppo del Territorio.

    Ci vorrà del tempo per il trasferimento, ma di certo per Abbiategrasso si tratta di una novità positiva, specie per quanto attiene il co working e la possibilità di lanciare nuove imprese, soprattutto a beneficio dei giovani. 

    Articolo precedenteTanti auguri da TN a Fabrizio Cecchetti e Laura Santin, oggi sposi
    Articolo successivoRobecco, questa sera la APP turistica e l’appendice di ‘Ciclismo che passione’