Abbiategrasso, in cerca di chi ha sparato alla gattina Dodo

    85

     

     

    ABBIATEGRASSO  – E’ caccia aperta allo sparatore della gattina Dodo di Abbiategrasso a cui una mano ancora ignota (speriamo per poco) ha sparato un colpo di carabina in una gamba. Dodo è una bellissima gattina di proprietà di una famiglia che abita in una villetta nelle vicinanze di via Novara ad Abbiategrasso, la gatta si era allontanata nella giornata di domenica, e la stessa sera non vedendola rientrare i proprietari si sono preoccupati ed hanno cominciato a cercarla per tutta la cittadina, di lei nessuna notizia fino a giovedi quando i proprietari l’hanno vista rientrare dal giardino, una volta osservata si sono accorti che la micina aveva una profonda ferita ad una gamba.

    Una volta portata dal veterinario c’è stata l’amara sorpesa: a Dodo avevano sparato con una carabina, il proiettile secondo il racconto fatto dalla stessa proprietaria sui social il proiettile non è stato estratto per evitare complicazioni, anche se il proiettile rimarrà quindi nella gamba la proprietaria Jessica B. ci fa sapere che l’intervento chirurgico è riuscito perfettamente. Ora la storia è diventata di dominio pubblico perchè proprio come ha scritto Jessica sui social: “Volevo mettere in guardia tutti i possessori di gatti che abitano in zona Penny in via Novara ad Abbiategrasso, che sicuramente c’è una persona che si diverte a sparare agli animali indifesi di cui ancora non conosco il nome ma prima o poi lo scopriremo ed allora pagherà”. Il gatto dopo l’operazione avvenuta in questi giorni ora è in convalescenza mentre è stata presentata una denuncia contro ignoti. Sulla vicenda è intervenuta con una nota l’Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente che scrive: “Si tratta di un caso molto grave ci auguriamo che il responsabile di questo gesto si costituisca, intanto noi stiamo valutando l’ipotesi di mettere una taglia sulla testa del colpevole perchè sia assicurato alla giustizia”.

    LORENZO CROCE, AIDAA

     

    Articolo precedente‘Non toccate i piccoli caprioli nel parco del Ticino’
    Articolo successivoMagenta, i bimbi delle quinte delle “De Amicis” incantano il Lirico con lo spettacolo “Coco”