Abbiategrasso, il sindaco Nai ringrazia i proprietari degli immobili concessi per l’Altra Faccia del Gusto

    102

     

     

    ABBIATEGRASSO – ‘Alura, ciamal inscì: Se ta vegna’ cul cor in man, num ta’ darem una man’.

    Sarà l’aria frizzantina di Natale, ma il Gallo (al secolo e per l’anagrafe Emanuele Gallotti, barista visionario e consigliere comunale dissidente, spesso anche con se stesso..) ha avuto un’altra delle sue (ottime) idee.

    A fine novembre ha lanciato l’Altra Faccia del Gusto, ossia l’idea di utilizzare alcuni negozi sfitti da anni nel centro di Abbiategrasso per ridare loro vita ed ospitare esposizione di alcune bici del maestro artigiano Luca Agnelli, pentole storiche della Siltal, prodotti alimentari ed altro. Detto fatto: per alcuni giorni, negozi mestamente vuoti e bui hanno ripreso vita, a ridosso del cuore cittadino.

     

     

    ‘L’idea è stata quella di rivitalizzare spazi rimasti al buio per troppo tempo, spazi che ci sono stati concessi gratuitamente dai proprietari, che hanno così permesso di ridare e riportare la luce nel centro di Abbiategrasso”. Così parlò il Gallo, che ieri ha favorito l’incontro tra i proprietari che hanno ‘riaperto’ i propri immobili, il sindaco Cesare Nai ed il vice Roberto Albetti.

    ‘Ovviamente stiamo cercando di pensare a una soluzione di carattere fiscale che,  mediante degli sgravi, agevoli la riconversione e l’utilizzo di questi spazi. Si parla da molto tempo di negozi sfitti in centro, sempre di più. Adesso abbiamo voluto fare qualcosa di concreto per superare questa impasse’.

    Il sindaco Nai ha aperto alla possibilità di interventi normativi del Comune, ringraziando i protagonisti di questa bella intrapresa: i signori Bonetto, Porta, Bonelli, Selva, Max Ilardi e Immobilgold, Santagostino, Milano, inoltre Luca Agnelli per l’allestimento, Victor Arte,  Pastori impianti elettrici e Altea Servizi. 

    Non c’è che dire: una gran bella idea per mantenere viva l’attenzione su un fenomeno purtroppo crescente, ossia lo svuotamento (per fortuna solo in parte) del centro storico di Abbiategrasso e delle sue attività commerciali. Che per fortuna, in diversi casi, funzionano ancora egregiamente.

    Detto questo, complimenti Gallo. Buona anche questa.

     

     

    Articolo precedente‘Corbetta, unica uscita in stazione: pendolari a rischio incolumità’
    Articolo successivoAbbiategrasso, Bar Castello ‘capitale’ del bar tending e dei cocktail di qualità: lo dice Blue Blazer