News

Abbiategrasso, Finiguerra riparte da 5.711. E adesso? Sfoglia la margherita..

 

 

ABBIATEGRASSO – Se più di 10mila voti di preferenza non valsero l’ingresso al Parlamento Europeo nel 2014 nella lista Tsipras, che superò lo sbarramento eleggendo Moni Ovadia, i 5.711 voti raccolti da Domenico Finiguerra il 26 maggio per Europa Verde, partito che ha preso poco più della metà dei voti di Tsipras (il 2.3%), ne fanno di certo uno dei leader ambientalisti e civici più popolari in Lombardia e al Nord.

Come sempre, quando si parla di politica, il nodo a questo punto è capire come capitalizzerà questa indiscussa mole di consenso personale che tuttavia è valsa un nuovo stop, per quanto si tratti di una sconfitta parziale, perché se i Verdi non hanno ottenuto gli exploit di Francia, Germania ed altre nazioni europee, di certo sono usciti da un isolamento politico e mediatico.

E adesso? Intanto ieri sera, nel consueto sondaggio settimanale di Enrico Mentana su La7, i Verdi sono già passati al 2.6%. E questo dato, unito alla molto probabile ‘estensione’ dell’agenda ambientalista nel futuro prossimo, apre scenari interessanti.

La legge elettorale approvata in Italia nell’ottobre 2017 e ribattezzata ‘Rosatellum bis’ prevede infatti una soglia di sbarramento nella quota proporzionale pari al 3% su base nazionale, sia al Senato che alla Camera, con l’eccezione delle liste relative alle minoranze linguistiche per le quali la soglia è al 20% nella regione di riferimento. In aggiunta alla soglia del 3%, è prevista anche una soglia del 10% per le coalizioni (in tal caso però almeno una lista deve aver superato il 3%, mentre una lista che raggiunge il 3% all’interno di una coalizione sotto il 10% è ammessa comunque al riparto).

Se quindi i Verdi diventassero una forza da 3% si aprirebbero per loro, se coalizzati, le porte del Parlamento. E Finiguerra, in tal caso, sarebbe certamente uno degli esponenti di punta dei Verdi in Lombardia.

Quanto ad Abbiategrasso, e alle prossime Comunali in calendario salvo imprevisti nel lontano 2022, è troppo presto per ipotizzare scenari plausibili. Una sola cosa è certa: la ritrovata ‘matrice politica’ polarizza assai il perimetro elettorale di Finiguerra, che per ritentare la quasi clamorosa vittoria del 2017 dovrebbe probabilmente e/o forzatamente allearsi. Già, ma con chi? Con l’ex sodale No Tang Luigi Tarantola? Coi 5 Stelle (assai difficile)? Oppure col Pd di un Lele Granziero che appare piuttosto insofferente a certi schematismi cittadini? Parrebbe impossibile. Ma la politica è giustappunto arte del possibile. E inoltre, come disse sapientemente Nicolò Machiavelli, ‘governare è far credere’.

Anche allearsi.

Fab. Pro.

Redazione

Redazione Ticino Notizie

Related Articles

Back to top button

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi