Abbiategrasso/fanghi tossici, esposto del Codacons ad Arpa e Procura

    82

     

    ABBIATEGRASSO –  L’azienda bresciana WTE ha sparso come fertilizzanti i fanghi tossici nelle campagne di Abbiategrasso. La stessa, invece di depurare i rifiuti tossici, li vendeva, rendendoli appetibili con benefit quali lo spargimento e l’aratura gratuita. Vantaggi a cui, da quello che trapela dall’inchiesta in corso, era difficile rinunciare, ma gli agricoltori che hanno accettato, purtroppo hanno avvelenato i propri terreni con metalli pesanti e altre sostanze cancerogene, con conseguente pregiudizio per l’ambiente e per la salute dei cittadini, oltre che per i raccolti e per il settore agricolo dell’economia.

    “Un fatto molto grave che ha procurato danno all’ambiente e all’agricoltura. È necessaria la bonifica dei terreni inquinati e il responsabile di questi fatti dovrà risponderne di fronte all’Autorità Giudiziaria” – afferma il Presidente del Codacons Marco Maria Donzelli – “Presentiamo esposto all’Arpa chiedendo che si stabilisca in che quantità e quali terreni risultino inquinati e depositeremo nomina di parte offesa in Procura nell’interesse dei cittadini”.
    Articolo precedenteMarcallo in lutto, è morta Piera Loaldi Mazzetti
    Articolo successivo‘++Moratti: Lombardia verso 10 milioni di vaccini, mancano 400mila over 60