Abbiategrasso, dal 6 al 21 la ‘personale’ di Riccardo Martinelli

    136

     

    ABBIATEGRASSO – Dal 6 al 21 ottobre si terrà presso i locali di Kaboom Coworking la mostra dell’artista Riccardo Martinelli (Toscano ma Milanese d’adozione).

    L’esposizione cercherà di dare spazio a tutte le principali attività dell’artista che spazia fra
    diverse tematiche e abbraccia numerose tecniche.
    Ritratti ad acquerello, penna, pittura ad olio, studi di figura eseguiti con gessetti, crete
    colorate, dipinti ad acrilico, acqueforti. Presenti anche alcuni pezzi della collezione
    “Les Magnifi quess”, un progetto composto da ritratti in abito d’epoca eseguiti con l’uso
    della penna a sfera.

    E a conclusione della mostra, sabato 20 e domenica 21 ottobre, Martinelli terrà un
    workshop durante il quale tratterà alcuni aspetti del disegno, in particolare riguardanti le tecniche su come affinare lo “sguardo dell’artista” attraverso la “copia dal vero”, l’uso
    della penna a sfera nel disegno artistico, la rapprese.

     

     

     

     

     

     

     

    Riccardo Martinelli, nasce nel 1973 sulla
    montagna Pistoiese. Dopo l’istituto d’arte
    si trasferisce a Bologna e si iscrive al DAMS
    (Discipline delle Arti, della Musica e dello
    Spettacolo) presso il Dipartimento di Lettere
    e Filosofi a di Bologna.
    Alla fi ne degli anni novanta arriva a Milano
    dove inizia a lavorare nel mondo della
    comunicazione e della grafi ca. In questi
    anni studia e pratica teatro con particolare
    interesse per la regia.
    Durante il 2011/2012 frequenta il corso di
    fi gura della scuola del Castello Sforzesco di
    Milano con il maestro Alberto Rovida. Nel
    2014 diventa allievo del maestro incisore Gigi
    Pedroli, fondatore del Centro dell’Incisione
    del Naviglio a Milano.
    La sua ricerca artistica si lega fi n da principio
    alla rappresentazione della fi gura umana,
    ritratto e nudo

    Articolo precedenteCasorezzo e Galliate: da The Kitchen è tempo di Oktoberfest
    Articolo successivoMagenta e Bià, mattina di passione per i pendolari ferroviari