Abbiategrasso: da domani in Rinascita #ORABASTA, immagini (e molto altro) contro la violenza sulle donne

299

 

ABBIATEGRASSO – GIORNATA CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE #ORABASTA, un cambiamento è sempre possibile, dipende da noi, e che ognuno faccia la sua parte, donne e uomini, perchè le battaglie per i diritti riguardano TUTTI e si combattono insieme.

Molto più di semplici foto, molto più di un percorso. Domani alla coop Rinascita di via Novara 2 comincia domani- nella Giornata Internazionale che ricorda le violenze esercitate sul sesso femminile- una tre giorni molto intensa. Si partirà dalla partecipazione-visita mattutina che alcune scuole di Abbiategrasso effettueranno (sempre domani) attraverso le immagini della mostra che Simona Posla, Giovanna Giunta e Andrea Baj ci hanno mostrato in anteprima, e di cui vi diamo una piccola anticipazione.

Immagini forti, di grande impatto visivo ed emotivo.

“Ci sono diversi modi per contrastare la violenza sulle donne: la cultura, secondo noi, è la leva principale. Informare, educare, sensibilizzare, istruire, tenere i riflettori accesi su questa piaga sociale che non accenna a sanarsi, è fondamentale. La violenza sulle donne è un REATO vile e meschino, subdolo, prendiamone coscienza, affinchè la condanna sociale sia univoca e trasversale. L’ambiguità di giudizio spesso rilevata nei confronti della vittima, è svilente e affranca le “ragioni” del carnefice, giustificandolo. “Ma come ti sei vestita?”. Il vestito, la scollatura, la lunghezza della gonna, i jeans, la tuta: il pregiudizio e il giudizio morale, un medioevo mai finito”.

Così spiegano gli organizzatori dell’evento, che si comporrà di diversi momenti: tra gli altri, venerdì 25 alle 18.30 aperitivo inaugurazione e dalle 21 il dialogo tra Loredana Bustreo e Paolo Turconi ispirato a quello tra Paola Cortellesi e Claudio Santamaria.

Sabato 26 apertura mostra e dalle 20 apericena. Domenica 27 si apre sempre alle 10, alle 16 spettacolo di danza, alle 17.30 momento con Iniziativa Donna, alle 19 aperitivo e chiacchiere.

Una mostra da vedere, che si compone di lavori di fotografi dilettanti (ma davvero bravi) e dei bellissimi scatti del talentuoso Ahmed Elnahif, già studente dell’Alessandrini e allievo di Agnese Coppola. Belli, davvero belli.

 

 

 

 

 

Articolo precedenteMarcallo con Casone: 42enne trovato in casa dai Vigili del Fuoco senza vita
Articolo successivo+Magenta, porte tristemente chiuse AL TOC (speriamo non per sempre..)