Abbiategrasso, a che punto sono i lavori di via Mazzini?

    90

     

    ABBIATEGRASSO – A che punto sono i lavori alla rete fognaria di viale Mazzini, in corso da mesi e sovrintesi dal gruppo CAP?

    Arriva una nota che illustra in dettaglio modi e tempi residui dell’intervento.

    I lavori alla rete fognaria di via Mazzini sono iniziati il 26 giugno e stanno proseguendo come da
    cronoprogramma. In tutte le fasi di scavo è presente un archeologo su richiesta della Sovrintendenza, questo rallenta un po’ i lavori ma al momento non in modo significativo, così come il fermo del mese di agosto che era già previsto.

    Dal confronto quotidiano fra Gruppo CAP, Ufficio tecnico comunale e Polizia Locale, è emersa la
    decisione di mantenere il più possibile il doppio senso di marcia in via Mazzini, col fine di ridurre al
    massimo i disagi per i cittadini e per i commercianti. Questo ha in parte rallentato i lavori agli incroci,
    ma non incide in modo significativo sulla durata complessiva del cantiere.

    Entro la prima settimana di ottobre si concluderà la fase 1 del progetto, completando la parte
    idraulica fino a via Bramante. Questa parte del cantiere passerà dunque da Gruppo CAP ad Aemme Linea Distribuzione che nei successivi 30 giorni sostituirà le reti del gas.

    Partirà quindi la fase 2, che durerà fino al mese di dicembre con eliminazione del senso di marcia in ingresso ad Abbiategrasso da via Bramante a via della Folletta e disco orario per la sosta. In questa fase il cantiere verrà progressivamente allungato con tratti di circa 50 metri per volta a partire da via Bramante.

    Scopo dei lavori è ricostruire la rete fognaria che ha evidenziato problemi strutturali causando
    diversi interventi in emergenza ed evitare che in futuro si ripresentino problemi di sicurezza legati
    ai cedimenti della rete.

    Articolo precedenteAllarme furti a Robecco, presa di mira la zona di via Padre Pio
    Articolo successivoMilano e le Olimpiadi 2026, Curzio Trezzani: ‘Una grande opportunità per la Lombardia’