Abbiate rispetto per un morto, Camilleri non era Pirandello (e neppure Simenon)- di Marcello Veneziani

    167

     

    Quando muore un personaggio pubblico bisogna rispettare la memoria e difenderlo dai suoi impietosi detrattori ma anche dai suoi esagerati incensatori. Andrea Camilleri era uno scrittore televisivo che vendeva libri, che intrigava con le sue trame e il suo linguaggio fantasiculo; che sapeva gigioneggiare dall’alto dei suoi novant’anni, recitando un ruolo ironico-profetico da oracolo televisivo che parodiava bene Fiorello. E poi, per compiacere la Ditta, Camilleri andava sul sicuro, faceva l’antifascista, seppure molto postumo, ieri antiberlusconiano, oggi antisalviniano ma sempre contro il Duce, a babbo morto. Una polizza per la gloria.

     

    Era uno scrittore bravo, non un Grande Scrittore, come lo presentano. Non entra nella grande letteratura, non esagerate, ma rimane nella best-selleria corrente e nella personaggeria letterario-televisiva. Non rendetelo ridicolo, paragonandolo a Pirandello e Verga, e pure a Sciascia. Via, abbiate senso della misura. Non mettetegli pennacchi e aureole, abbiate rispetto di un morto.

    Marcello Veneziani

    PS Condividiamo in toto, aggiungendo che nella melassa social tutti o quasi  hanno dimenticato il grande contributo che Camilleri diede per la trasposizione cinematografica del Maigret con Gino Cervi. Del resto, Camilleri non era neppure Simenon.. Requiem aeternam.

    Articolo precedenteMagenta, FDI esprime sostegno e vicinanza a Mario Mantovani
    Articolo successivoPerché essere grati (da destra) ad Andrea Camilleri- di Giuseppe Del Ninno