A spasso per voi: “Appunti di Settembre”

    111

    Il mese di settembre o lo si ama o lo si odia. Non c’è via di mezzo. Il primo mese d’autunno ha i suoi haters, che si crogiolano nella malinconia del post-vacanza, mentre trascorrono le giornate mugugnando davanti al pc in ufficio, con lo screen saver che riporta loro alla memoria la spiaggia sulla quale si sono conquistati l’abbronzatura che piano piano va sparendo. Ci sono anche i più giovani che, preparando il prossimo esame universitario, maledicono quelle volte in cui hanno preferito andare in discoteca e fare l’alba tutto agosto, invece che aprire i libri per l’appello autunnale. Viceversa ci sono quelli che amano il mese di settembre alla follia:  li vedo che stanno dando aria al beneamato plaid, mentre euforici fanno scorte di tisane e cioccolate che li accompagneranno dai primi freddi nelle maratone di serie tv sul divano.

    Io,  a causa forse dei ricordi della scuola, vivo settembre come il mio personale capodanno. Dopo le vacanze bisogna ripartire con fatica è vero, ma con uno slancio tutto nuovo. Settembre per me è il mese dei buoni propositi e delle liste di cose da fare, inclusi anche la mia wishlist dei viaggi da organizzare, delle mostre da visitare o degli eventi a cui mi sarà impossibile rinunciare. A questo scopo  vi segnalo alcune delle mostre/evento imperdibili in questi mesi di autunno. Di sicuro non convincerò gli amanti di settembre a separarsi dal loro plaid appena tolto dalla canfora, ma spero almeno di strappare un sorriso a qualche hater del mese in corso!

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

    Bansky al MUDEC. Come per Frida Khalo lo scorso Febbraio, il Museo delle Culture di Milano ci riserva una vera mostra evento a partire dal 21/11/2018 fino al 14/04/2019: quella dedicata a Bansky, il “graffitaro” diventato un vero e proprio fenomeno della street art, tra i più amati e conosciuti al mondo. La “leggenda” attorno alla figura di Bansky è alimentata dal fatto che la sua identità sia ancora misteriosa, e che l’artista sembri preferire comunicare attraverso la sua arte immediata, fatta di figure ricorrenti che veicolano una critica verso la società attuale.

     

     

     

     

     

     

     

     

     

    Picasso a Palazzo Reale. Se al MUDEC non finiscono mai di stupirci, a Palazzo Reale non restano a guardare! A partire dal 18/10/2018 fino al 17/02/2019 le sale del palazzo ospiteranno una retrospettiva su Picasso, un appuntamento sempre improrogabile per gli amanti dell’arte. Questa esposizione si caratterizzerà di diverse sezioni, dove alcuni fra i capolavori dell’artista spagnolo provenienti dai più grandi musei del mondo saranno accostati e comparati ad opere di arte antica a testimonianza dell’influenza e del rapporto proprio dell’antico sulla visione avanguardista di Picasso. Un consiglio? Regalatevi o regalate una visita guidata! Se non siete esperti d’arte, la produzione di Picasso risulta veramente complessa da capire, ma con la giusta spiegazione sicuramente lo amerete e comprenderete perché si possa considerare a pieno titolo una vera pietra miliare della storia dell’arte.

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

    Torna Andy Warhol! Se siete amanti del re della pop art quest’anno avrete pane per i vostri denti, o meglio mete per i vostri weekend! Andy Warhol e la sfavillante New York della factory e del mitico Studio 64 tornano in Italia, in triplice appuntamento: a Bologna (Warhol&Friends. New York negli anni ’80, Palazzo Albergati, dal 29 settembre 2018 al 24 febbraio 2019) a Roma ( Andy Warhol, Vittoriano dal 3 Ottobre 2018 al 03/02/2019) e infine, in compagnia di Roy Lichtenstein e altri esponenti della Pop Art americana a  Mamiano di Traversetolo (Pr) (Roy Lichtenstein e la Pop Art americana, Fondazione Magnani-Rocca, dal 8 settembre 2018 al 9 dicembre 2018).  Con queste destinazioni coniugare la Pop art all’arte culinaria del territorio italiano è d’obbligo!

     

    Chagall ad Asti. Se vi è piaciuta l’idea di combinare arte e cucina perché non fare un salto dal 27 settembre 2018 al 3 febbraio 2019 ad Asti, per immergervi nell’onirico mondo di Marc Chagall? Dopo aver ripercorso le tappe fondamentali nella vita e nella produzione artistica documentate da circa 150 opere del maestro russo potrete ripercorrere i fondamentali della cucina piemontese!

    Carlo Carrà a Palazzo Reale . Sempre a Milano e sempre a Palazzo reale dal 4 ottobre 2018 al 3 febbraio 2019 arriva un’altra attesissima mostra: quella dedicata all’intera produzione (ed evoluzione) artistica di Carlo Carrà. Da segnalare al vicino Museo del Novecento una retrospettiva dedicata al personaggio della critica d’arte Margherita Sarfatti, figura chiave non solo nel panorama della storia dell’arte italiana ma anche in quello culturale e sociale  del novecento italiano. Anche queste mostre sono davvero imperdibili, come un bell’aperitivo vista Duomo proprio dal museo del Novecento già che siete lì! Il panorama vale tutte le opere d’arte!

     

    A cura di Federica Goi

     

     

     

     

    Articolo precedenteCassinetta: la “carica” dei trecentocinquanta…. con “Turista nel nostro territorio” (LE FOTO)
    Articolo successivoLe due velocità del Marocco: dal lusso alla povertà totale dei villaggi