A Mesero grazie a Valentina Bollini è nata ‘Timo & Tonka’, la prima impresa alimentare domestica del Magentino

    215

     

     

    MESERO – Molto interessante la piccola e nuovissima impresa nata a Mesero.

    La dinamica Valentina Bollini ha infatti avviato da poco una ‘impresa alimentare domestica’.  Da qualche anno, infatti, l’Europa ma anche l’Italia promuovono il piccolo artigianato del cibo fatto in casa con una legislazione appositamente studiata per le microimprese domestiche alimentari. La normativa autorizza infatti la produzione domestica e la vendita al pubblico di piccole quantità di specialità alimentari nostrane come la pasta fatta in casa, i prodotti da forno, le conserve, la pasticceria e i dolci per le occasioni speciali. Oltre a dare un nuovo spazio alle nostre tradizioni culinarie e all’arte del buon cibo fatto in casa, la microimpresa domestica è anche un’interessante opportunità di auto-impiego per chi sa cucinare bene ma non se la sente di affrontare investimenti impegnativi e iter burocratici complessi.

    Timo & Tonka è la neonata IAD, impresa alimentare domestica, di Mesero. E’ la  prima attività di home food sorta a Mesero, se non anche la prima nel magentino.

    ‘Tra mura domestiche appositamente attrezzate (con abbattitore di temperatura), in ambiente a norma HACCP, preparo dolci di ogni genere (torte, biscotti, dessert, semifreddi, monoporzioni, etc), per ogni momento della vita’, ci spiega Valentina.

    ‘I miei prodotti sono artigianali ed ogni singolo ingrediente è scelto e pensato per accontentare le richieste dei clienti, infatti, soddisfo con piacere anche i palati vegan e gluten free e i desideri di chi vuole consumare dolci a ridotto contenuto di zuccheri.

    Il mio laboratorio si trova a Mesero, in via Padre Gemelli 9, ma proprio per preservare la sicurezza igienico alimentare dei prodotti, non è accessibile. Per ordinazioni occorre chiamarmi al 340 4120227 oppure contattarmi attraverso le pagine Facebook e Instagram di Timo & Tonka.

    Effettuo consegne a domicilio con apposito contenitore isotermico.

    Per il momento la produzione è limitata alla pasticceria dolce e salata, ma sono curiosa e non ho ancora smesso di studiare… il progetto evolverà a breve!’.

    Non c’è che dire.. Una forma di lavoro domestico innovativa e dinamica, che potrà sicuramente diffondersi contando sul genio e lo spirito imprenditoriale delle nostre genti. E anche sul fatto che non servono investimenti proibitivi e grandi spazi.

    In bocca al lupo a Valentina e a Timo & Tonka, da parte di tutti noi.

    Articolo precedenteVittuone: infortunio sul lavoro, operaio colpito da un tubo
    Articolo successivoAbbiategrasso e Abbiatense, fondi per gli inquilini morosi ‘incolpevoli’