A Magenta nasce l’Accademia di Scienze Psicografologiche: una novità a livello nazionale

    181

    MAGENTA – La presentazione ufficiale dell’Accademia di Scienze Psicografologiche, come anticipato sulle nostre colonne, si terrà presso Casa Giacobbe, alle 18.30, del prossimo 13 settembre. Oltre a questo, tuttavia, vi anticipiamo pure informazioni sulla ‘cosa’ (passatemi il termine), raccolte in una recente chiacchierata con Giuseppe Rescaldina e Irene Bertoglio, cui si deve l’idea di dare vita, unendo le proprie professionalità e competenze – l’uno in ambito psicologico l’altra grafologico – a un progetto culturale innovativo a livello nazionale. ‘Da cosa nasce cosa’, si dice e così è stato per loro dopo la felice esperienza del libro ‘Il corsivo, encefalogramma dell’anima’ ed. La Memoria del Mondo, pubblicato lo scorso anno. “Abbiamo deciso di proseguire il comune lavoro, convinti come siamo che uscire dal perimetro di una singola disciplina sia proficuo, generi nuove idee, produca maggiori risultati. Con il libro e attraverso il libro – racconta la grafologa – abbiamo avviato collaborazioni con diverse scuole, realizzato sperimentazioni e soprattutto ci sono giunte richieste di proseguire il percorso intrapreso”.

     

    E allora ecco un’Accademia ad hoc, di cui verrà presentato il ricco programma – continuiamo con le anticipazioni – che prevede un Corso (quattro giornate / 8 h di lezione ciascuna), spalmato tra ottobre e marzo, a tema ‘Come recuperare la disgrafia: la rieducazione della scrittura’, numerosi altri  corsi, laboratori, serate culturali (queste ultime con il patrocinio dell’Università del Magentino) e una gita in Officina della Scrittura. Da settembre a maggio c’è solo l’imbarazzo della scelta sia per addetti ai lavori, sia per un pubblico più eterogeneo. Per un’informazione articolata  e completa vi rimandiamo a www.psicografologia.com. Numerosi anche i professionisti che si alterneranno in cattedra. Oltre a Giuseppe Rescaldina e Irene Bertoglio, vi saranno il calligrafo Ernesto Casciato, la psicoterapeuta magentina Emanuela Nisli, la psicologa Maria Raugna, i giornalisti Enrico Nascimbeni e Rodolfo Casadei, l’artista Maria De Vecchi, le grafologhe Susanna Primavera e Cinzia Angelini, e anche il giornalista Luca del Gobbo che parlerà de ‘La comunicazione nella politica’. Il ventaglio delle proposte è volutamente ampio al fine di valutare in base alla risposta dei fruitori su quali temi e problematiche focalizzare in futuro l’attività dell’Accademia, realtà che i due professionisti hanno scelto di far nascere in  Magenta per contribuire alla crescita dell’attrattività culturale della città e del territorio.”Cominciamo qui, nel piccolo, la sede sarà il nostro studio di piazza Liberazione – afferma lo psicoterapeuta – con la volontà di ottenere per il Corso principale (su citato ndr) un riconoscimento da parte del Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca”. Dunque, ad maiora.

    Franca Galeazzi

    Articolo precedenteLucio Battisti, il miracolo che dura- di Marcello Veneziani
    Articolo successivoUna lettrice di Abbiategrasso: ‘Magenta, scandalo buche davanti all’Ipsia Macello