A Magenta ‘InCanto di Pace’, domenica 2 giugno in preparazione della Battaglia

    40

     

    MAGENTA – Il concerto, dal titolo “InCanto di Pace” si terrà il 2 giugno 2019 al Teatro Lirico (entrata libera fino ad esaurimento posti) e avrà come protagonisti tre cori: il Coro degli studenti del Liceo Musicale “S. Quasimodo” di Magenta, il Coro d’Istituto, che conta studenti degli altri indirizzi del Quasimodo, genitori e docenti e una classe del Liceo Musicale “B. Zucchi” di Monza, con cui alcuni docenti del Quasimodo si trovano a collaborare.

    Una sorta di convention di Cori, tutti impegnati ad onorare un evento così significativo quale la Battaglia di Magenta.

    Il programma presenta un’interessante varietà di brani, per epoca e stili, tutti proposti in arrangiamenti originali per Coro, accompagnato dall’Orchestra di fiati, dalle percussioni e dall’ Ensemble d’archi, in una collaborazione verticale, un continuo scambio cioè fra studenti di età diverse, di livello diverso e di provenienze diverse, e non da meno coi docenti, in coro e in orchestra, caratteristica e preziosità alla base del Liceo Musicale e dello studio della musica in generale.

    Saranno eseguite le famose “Addio mia bella, addio” e “La bella Gigogin”, canzoni fra le più rappresentative del momento storico celebrato, accompagnate da riflessioni tratte dal romanzo storico “Domani sarà battaglia. Magenta, 3 giugno 1859” (“La memoria del mondo Libreria Editrice”, 2008) lette dalla autrice stessa Annalina Molteni. Sarà proposto poi un omaggio musicale all’Alleanza col popolo francese con alcuni loro canti tradizionali, fino all’esecuzione di altre canzoni più moderne ed internazionali, come “Imagine” e “Heal the world”, dove, oltre alla musica, i testi parlano con forza di Pace. Dirige la Prof.ssa Roberta Frameglia.

     

     

    Articolo precedenteI francesci di Lactalis si ‘mangiano’ la Nuova Castelli, compresa l’ex Cairati di Abbiategrasso
    Articolo successivoTangenti Lombardia/1, parla Lara Comi: ‘La mia condotta? Sempre regolare’