A Magenta arriva il presepe… di Pasqua

    169

    Una bella idea dell’Associazione  Gruppo Artistico Presepisti STELLA COMETA che sarà presentata domenica 9 aprile

     

    MAGENTA –  Domenica 9 aprile alle ore 11.30, presso il Santuario della B.V. Assunta, verrà inaugurato il Presepe di Pasqua. Occasione per riscoprire e contemplare, attraverso una vera opera d’arte, l’avvenimento fondamentale della vita cristiana. «A Natale, inaugurando la Mostra dei Presepi, annunciavamo una sorpresa per la Pasqua – spiega don Marinoni – Ed ecco, grazie ai nostri amici del Gruppo Artistico Presepisti “Stella Cometa” e a chi ha sponsorizzato la loro opera, il sogno di un Presepio di Pasqua è diventato realtà».

    Potremo così, con i nostri occhi, contemplare il cuore, il mistero della nostra fede: la Pasqua di Gesù, che per amore nostro muore sulla Croce e vittorioso risorge dal sepolcro. Visitando questo Presepio, sarà così possibile entrare con Gesù nel cenacolo, rimanere in preghiera con Lui nel Getsemani, accompagnarlo lungo la Via Crucis, contemplarlo morente sulla Croce, e infine scoprire che è vivo, che la morte non ha potuto trattenerlo.

    Il presepe resterà in mostra fino al 14 maggio. Sarà possibile effettuare visite fuori orario per scolaresche e/o gruppi anche per tutto il mese di maggio previa prenotazione ai numeri: Telefoni GAP: 393 8167145 – 339 1544933

     

    Nasce nel 2010 dalla collaborazione tra presepisti piemontesi e lombardi che decisero di unire la passione e il talento individuale al fine di condividere l’esperienza attraverso la tradizione del presepe artistico. Sono molte le opere realizzate dal GAP sotto l’attenta e rigorosa conduzione del maestro Mauro Signorelli. 


    I soggetti dei loro diorami riproducono sia scenografie del presepe orientale, legato a passi del Vangelo, inserite in ambientazioni di paesaggi palestinesi, sia attraverso la realizzazione di presepi popolari, dove il presepe è ambientato in un contesto rurale, legato a un mondo contadino che affascina ed emoziona i visitatori, poiché legato al nostro vissuto e alle nostre tradizioni.
    Ogni diorama è progettato in funzione del soggetto rappresentato, pertanto tutte le opere realizzate sono impreziosite da statue in terracotta create appositamente allo scopo da prestigiosi scultori italiani.

    Articolo precedenteDal visibile all’invisibile, con Massimo Cacciari la filosofia abita il quotidiano
    Articolo successivoMagenta, elezioni: Tino Viglio verso l’addio (al Consiglio comunale)?