A Giovanna

    295

    Oggi, 8 gennaio 2017, mia moglie Giovanna Noè, una ragazza di quarantasei anni, madre di due bimbi: Edoardo e Ginevra, professoressa di lettere alla scuola media di Marcallo, è andata via.
    È morta.
    Abbiamo attraversato insieme un cammino di vita, nella buona sorte e nelle difficoltà, ma insieme e con profondità di parola. Era la mia amatissima bambina. Ed oggi è partita in avanguardia. A lei la preghiera gaelica, la nostra preferita: “Possano le strade farsi incontro a te. Possa il vento essere alle tue spalle. Possa il sole splendere caldo sul tuo viso… Possa la pioggia cadere leggera sui tuoi campi. E fino a quando non ci rincontreremo, possa Dio tenerti nel palmo della Sua mano”.
    Ecco. È tutto. Cosa? L’immortalità.

     

    ET

    Articolo precedenteTicino Notizie abbraccia il suo e nostro maestro, Emanuele Torreggiani
    Articolo successivoMagenta, mercoledì alle 15 i funerali di Giovanna Noè