A favore dei ciclisti: proviamo a cambiare punto di vista. FIAB Abbiateinbici ci scrive

    47

    RICEVIAMO & PUBBLICHIAMO DA ABBIATEGRASSO Lamentele e proteste per lo spazio riservato alle biciclette di fronte al Castello: ma chi le critica non si è mai accorto che le rastrelliere sono lì da anni? Di recente sono solo state sostituite e riposizionate, e quelle 30 bici lasciano liberi altrettanti parcheggi per le auto. Gli stalli per le persone disabili si possono ricavare davanti al Lille a pois o in corso Matteotti, al posto delle decine di auto costantemente ferme in divieto di sosta; per banchetti e gazebo sotto l’Allea c’è spazio in abbondanza; e se non è “decoroso” il parcheggio delle bici in piazza Castello, lo è invece quello delle auto? Infine provate a considerare quanto è grande lo spazio che le auto in sosta sottraggono all’uso collettivo e ricordatevi che ogni auto ingombra quanto 10 biciclette. Dunque proviamo a ragionare con i numeri.

     

    Ogni giorno migliaia di persone si spostano in città camminando o pedalando, e più di 1.000 lavoratori e studenti abbiatensi raggiungono la stazione a piedi o in bici. Pensate cosa succederebbe se tutti decidessero di prendere l’auto: un immenso ingorgo e nessuno si muoverebbe più. Ciclisti e pedoni vanno favoriti e ringraziati per la loro azione meritoria per un ambiente più vivibile e non considerati un fastidioso intralcio alla libera circolazione degli autoveicoli.

    FIAB Abbiateinbici

    Articolo precedenteMagenta: imparare a cucire e le tecniche della sartoria con ‘A nord di Agata’
    Articolo successivoAl “Nuovo” di Magenta da questa sera una prima da urlo con Quentin Tarantino