A Cusago il 7 giugno l’imperdibile spettacolo di fuoco, Lumièrie

53

CUSAGO –  È previsto per venerdì 7 giugno lo spettacolo Lumièrie, che era stato programmato lo scorso 18 maggio e sospeso causa maltempo. L’appuntamento del Festival, promosso e sostenuto dal Comune di Cusago, è dunque per venerdì 7 giugno alle ore 21.30 al Castello Visconteo di Cusago.

In scena Lumièrie, uno spettacolo di fuoco visionario, una produzione della compagnia Il Drago Bianco. In scena Antonio Bonura e Tatiana Foschi, che accompagnano dolcemente le fiamme in una danza a due, giocano con gli elementi che disegnano lo sguardo sognante di questa visione, creando, attraverso la musica, la storia di un incontro. Manipolando le fiamme attraverso gesti complici, oltrepassando i confini della realtà e non manipolabili, trasporteranno gli spettatori in uno stato libero dalle paure. Uno spettacolo arcaico, magico, tribale… un rito trasformato in spettacolo, un sogno ad occhi aperti, magnificamente condotto da due artisti che sembrano nati da un mondo immaginifico. Silenzio … Che la magia abbia inizio!

La compagnia Il Drago Bianco si occupa di spettacoli teatrali di manipolazione del fuoco da quasi vent’ anni, offrendo al proprio pubblico ricercate performances, che lasciano un segno indelebile nella memoria e nell’animo dello spettatore. La compagnia è stata ospitata in importanti eventi in Italia ed Europa, collaborando con prestigiosi artisti internazionali.

Antonio Bonura è considerato uno dei maggiori artisti rappresentanti dell’arte del fuoco in Europa.

A seguire Emboutillage, il teatro in automobile! Un ingorgo stradale all’insegna del teatro! A bordo delle auto che troverete, vi aspetteranno gli attori del corso di formazione teatrale di centro teatro dei navigli, che vi accompagneranno con accattivanti monologhi e dialoghi in un viaggio del tutto teatrale!

 

 

INFO

info@teatrodeinavigli.com
348 0136683 – 324 6067434
Facebook: Teatro dei Navigli / le Strade del Teatro| Twitter: @TeatroNavigli

Articolo precedenteSalute & benessere: le diete per la prova costume; da abolire?
Articolo successivoDa Regione Lombardia 2.5 milioni contro lo spreco alimentare