A Casterno di corsa con la 26^ Marcia del Grano

106

È considerata un po’ la sorella minore della Marcia dei Ciliegi in Fiore che si disputa a Pasquetta. La marcia del Grano andata in scena venerdì sera nella frazione di Casterno a Robecco sul Naviglio ha delle sue peculiarità. Giunta alla ventiseiesima edizione si svolge di sera, al calar del sole sulle campagne che si addormentano dopo una giornata di duro lavoro. Il profumo del grano, i sentieri, le cascine, i leprotti che osservano incuriositi il passaggio dei podisti. Siamo in pieno Parco del Ticino. Non mancano i saliscendi decisamente duri che spezzano il ritmo, ma che rendono sempre bella la marcia del Grano. La corsa ha toccato due frazioni robecchesi, Casterno e quella vicina di Carpenzago dove è stato sistemato il ristoro. Partenza davanti alla chiesa di Sant’Andrea e arrivo nel campo dell’oratorio dopo uno strappo in salita che ha messo a dura prova anche i runner più allenati. Anche quest’anno centinaia di partecipanti hanno percorso poco meno di sette chilometri, anticipati dai bambini che si sono impegnati sulla breve distanza dei tre chilometri. Come sempre ottimamente organizzata dall’US Casterno, società sportiva della frazione che invoglia i giovanissimi allo sport in collaborazione con gli agricoltori. Una non competitiva a passo libero, ma con un pizzico di sano agonismo. Alla fine sono giunti insieme sul traguardo Nathan Baronchelli dei Daini di Carate Brianza e Andrea Massieri del Tapascione Running Team di Robecco. Due ragazzi che si allenano duramente tutti i giorni e che stanno facendo vedere grandi cose.

Articolo precedenteCastano Primo: minaccia di buttarsi nel Villoresi, la Polizia locale lo fa desistere
Articolo successivoMagenta: Carabinieri in chiesa, il maresciallo Simone mette in guardia gli anziani dai truffatori