A Castano e Legnano apre il Centro Donna della Cgil Ticino Olona

    81

    Riceviamo e pubblichiamo il comunicato sull’attivazione del Centro Donna Cgil Ticino Olona

    LEGNANO – Il Centro Donna della CGIL vuole integrare l’esperienza e le competenze dell’AUSER, che già opera da anni sul territorio, rispetto alle violenze domestiche con l’esperienza dell’organizzazione sindacale che si occupa di tutela dei diritti nei luoghi di lavoro.

    Il Centro Donna Cgil del Ticino Olona fornisce consulenza e assistenza legale per le donne vittime di discriminazioni di genere nell’ambito lavorativo, domestico e sociale; risponde alle richieste avanzate direttamente e personalmente dalle donne in difficoltà e supporta le categorie e le strutture della CGIL.

    Il Centro Donna CGIL fornisce:

    • Consulenza e sostegno alle donne in tema di diritti nei rapporti di lavoro: maternità /paternità, flessibilità d’orario, dequalificazioni,

    trasferimenti impropri,ecc.

    • Sostegno, anche legale, nelle cause di discriminazione di genere riscontrate sia nel ritorno al lavoro dopo la maternità, che in tutto l’arco

    professionale.

    • Promozione di cause legali dal contenuto di “particolare rilevanza collettiva”, soprattutto per quanto attiene ogni forma di molestia

    sessuale sul luogo di lavoro.

    • Consulenza legale gratuita contro ogni forma di violenza alle donne
    • Supporto informativo e di raccordo con i presidi territoriali situati nel territorio specializzati in assistenza delle donne in difficoltà
    • Formazione ed organizzazione di seminari su temi di pertinenza.

     

    Il Centro Donna Cgil Ticino Olona si avvale di personale qualificato, quali Avvocati Civilisti, Penalisti, Giuslavoristi, Psicologhe ed è aperto a:

    CASTANO PRIMO – Vicolo del Pozzo, 15 – LUNEDI DALLE ORE 14.30 ALLE ORE 18.00

    LEGNANO – Via Volturno, 2 – GIOVEDI DALLE ORE 9.30 ALLE ORE 12.30

    E’ POSSIBILE FISSARE L’APPUNTAMENTO DA TUTTE LE SEDI CGIL DEL COMPRENSORIO OPPURE TELEFONANDO AL 0331 488011

    Articolo precedenteMagenta (e Corbetta): il Pd medita sulla sconfitta e augura buon lavoro a Chiara Calati
    Articolo successivoCittà Metropolitana a rischio crack, Musella e Forza Italia: ‘Pronti a dimissioni in blocco’