A Busto Garolfo i parchi si rifanno il look

    95

    BUSTO GAROLFO –  Ora sono a godersi le vacanze. Al loro ritorno, però, li troveranno più belli e funzionali. I bambini che frequentano i parchi situati tra le scuole Tarra e Figini Naymiller e nella materna Madre Teresa di Calcutta sono attesi da varie sorprese per quanto concerne il loro abituale luogo di divertimento. 

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

    Il cosiddetto “Parco del fanciullo” , nel primo caso, avrà una maggiore accoglienza e fruibilità grazie a migliorie apportate a seguito dei lavori di riqualificazione con gli studenti dell’istituto Mendel. Un lavoro che “ha visto e vedrà – recita una nota del comune – il coinvolgimento degli studenti di quest’istituto e che  consegnerà ai bambini e alle famiglie uno spazio giochi più ospitale con un prato in erba artificiale al posto del poco accogliente sterrato già esistente e nuovi vialetti in asfalto di pregio”.  Quest’ampio ventaglio di miglioramenti avverrà con un importo di 110 mila Euro. Tutto riposa su una convenzione stipulata tra comune e società Daf. Fin qui la prima fase. La seconda consisterà invece in nuove piantumazioni eseguite dagli studenti del Mendel e in una riqualificazione delle attrezzature. Di non minore rilevanza le opere volte all’irrobustimento del giardino della materna Madre Teresa di Calcutta. In questo caso, invece,  un gruppo di genitori si è reso disponibile per rendere maggiormente fruibile e rinforzare esteticamente l’ingresso del cortile. “Questo è davvero un esempio virtuoso – evidenziano dal comune in una nota-  un sincero ringraziamento alle famiglie che dimostrano così partecipazione fattiva e collaborazione per il bene dei loro figli e di tutta la comunità scolastica”. L’amministrazione sta definendo anche la procedura per l’acquisto di attrezzature di gioco nel giardino della scuola che daranno il via a quell’area giochi attesa da tempo nel plesso.

     

    Cristiano Comelli  

    Articolo precedente“Turista nella tua città” anche a Ferragosto: scommessa vinta
    Articolo successivoLa vicenda umana di Giuseppe Torno: “A Kariba, solo gli Italiani avrebbero potuto farcela!”