800 nuovi iscritti alla Lega nella provincia del Ticino

    84

     

    LEGNANO – Week end importante quello del Movimento guidato da Matteo Salvini. Infatti, nei giorni di sabato 22 e domenica 23 giugno scorsi, si è dato ufficialmente al via alla nuova campagna tesseramento 2019 della Lega. Nella Provincia del Ticino sono state molteplici le sezioni cittadine che hanno organizzato gazebo per chiamare a raccolta i cittadini intenzionati ad iscriversi al Movimento.

     

     

     

     

     

     

     

    “Sono davvero contento – commenta Riccardo Grittini, Responsabile Organizzativo Provinciale – della mobilitazione di centinaia di volontari che in questo fine settimana si sono impegnati nei loro comuni, raccogliendo quindi i risultati di una intensa campagna elettorale che ha portato la Lega a raggiungere in alcune zone oltre il 50% delle preferenze”.

     

    “In soli due giorni abbiamo registrato circa 800 nuovi iscritti – commenta Mattia Chiandotto, Responsabile Provinciale Soci e Tesseramento – sintomo che le persone apprezzano il grande lavoro di Matteo Salvini. Iscriversi alla Lega vuol dire sentirsi parte di una grande comunità pronta ad affrontare il futuro del proprio territorio. Il tesseramento – spiega Chiandotto – proseguirà anche nelle prossime settimane in diverse piazze”.

     

    “Un grazie sincero va tutti i militanti e simpatizzanti – conclude Alessio Zanzottera, Vicesegretario Provinciale – che hanno profuso impegno nel week end, in alcune ore anche sotto la pioggia. Ciò sta ad evidenziare lo stato di buona salute che gode la nostra Provincia. Il grande successo nella prima settimana della campagna tesseramento è principalmente frutto dell’immenso impegno di Matteo Salvini e della Lega al Governo, unitamente all’operato dei nostri rappresentanti politici all’interno delle amministrazioni locali”.

     

    Articolo precedenteFascino e sostenibilita’, ecco Milano-Cortina 2026: ricavi fino a 3 miliardi di euro
    Articolo successivoTanti auguri a Mara Invernizzi, Simone Gelli e Alessandro Barry