8 Marzo: festa della Donna! (con Salute Donna…)

    108

    Riceviamo e pubblichiamo da Salute Donna Onlus, sezione di Magenta

    In occasione di questa giornata l’Associazione Salute Donna onlus, sezione di Magenta, ha voluto festeggiare le donne con un’iniziativa che le spingesse a prendersi cura di sé, o meglio della propria salute, nello spirito dell’associazione fondata oltre 20 anni fa dalla presidente Anna Mancuso: un camper itinerante nei comuni di Magenta, Sedriano, Marcallo con Casone ed Abbiategrasso. Sono state organizzate visite senologiche gratuite nelle giornate di venerdì 10 e sabato 11 marzo.

    Un sincero grazie va alla sensibilità delle amministrazioni comunali che hanno dato il loro patrocinio, ma soprattutto all’unità di chirurgia dello Ospedale Fornaroli di Magenta guidata dal dott. Giuliano Sarro, che ha autorizzato la presenza delle senologhe dott.ssa Laura Balzarotti e dott.ssa Patrizia Castano. Il dottor Sarro ha visitato la postazione mobile di Abbiategrasso confermando il suo sostegno ed apprezzamento per l’iniziativa. Le volontarie hanno raccolto telefonicamente le prenotazioni nei giorni precedenti e sono riuscite a dare spazio anche a chi, passando casualmente dal camper, ha dimostrato interesse alle visite.

    In due giorni, dalle ore 9.00 alle ore 18.30 un centinaio di donne hanno potuto usufruire di questo servizio. La fascia d’età era compresa dai 20 ai 70 anni. Fortunatamente solo per un paio di casi si è resa necessaria la richiesta di un approfondimento. La durata di ogni visita e stata di circa 15 minuti. Per l’organizzazione e l’attività svolta è stata necessaria la presenza di una decina di volontarie.

    Il grande riscontro e gli apprezzamenti ottenuti spingono l’associazione a proseguire in questo percorso ricordando a tutte che la prevenzione è essenziale per una diagnosi precoce della malattia.

     

    Mariella Berra, Delegata sezione Magenta

    Articolo precedenteRadici in crescita, sequenza giornaliera degli accadimenti, di Ivan D’Agostini- 14 marzo
    Articolo successivoCrisi idrica: “Per ora non siamo ancora in emergenza”