Storia (e vita) di Luigi Amicone, ‘anarcoresurrezionalista’

181

 

 

 

Luigi Amicone, l’anarcoresurrezionalista Scritti scelti Prefazione di Giuliano Ferrara Amicone inviato, Amicone direttore, Amicone notista politico, polemista, intervistatore, editorialista, cronista, perfino apologeta…

 

 

Si sarebbero potute dare molte diverse angolature a questa silloge del fondatore di Tempi, eppure nessuna di esse sarebbe stata sufficientemente amiconiana. Impossibile ridurre Luigi Amicone a specialista di un particolare esercizio della professione di giornalista. Perché certo di essere sempre stato oggetto di un grande amore, Luigino ha a sua volta amato della vita ogni aspetto, lasciandosi travolgere e lasciando travolgere tutto dall’intelligenza larga e affettiva e appassionata del cristianesimo. Tutto vuol dire tutto – anche il dolore, anche la morte, anche le brutte possibilità della storia – e tutti, compresi gli avversari delle sue tante battaglie. Amicone era diventato esperto di tutto, pur non aspirando a passare per esperto di nulla, proprio perché faceva affidamento a poche grandi cose e tra queste non c’era certo il suo “mestiere”. Ecco perciò una raccolta di scritti splendidamente anarcoresurrezionalista come il suo autore. Che nella sua carriera di intellettuale, educatore e creatore di opere ha parlato di moltissime cose, in fondo parlando sempre di una cosa sola. Di Uno. «La compagnia del grande Amico».

 

Dalla quarta di copertina

 

Non è stato un mestiere facile, il suo, e non era un mestiere. La sua rivolta contro «il mutarsi della vita umana in una passione inutile» era fatta di verità, di giustizia, di errore, di precipitazione nell’eterno, di peccato e di santità. Giuliano Ferrara

 

’Amore di Luigi per la realtà in quanto “dato”, “mistero”, “dono”, “miracolo”, l’Amore per il gran mare dell’essere lo ha stupito e interessato a tutto ciò che esisteva ed era esistito. Non c’è persona o cosa che sia entrata nel suo campo visivo e che non sia stata investita da Luigi “Tempesta di vita”. Annalena Valenti

Luigi Amicone, di radici abruzzesi, nasce il 4 ottobre 1956 a Milano. Sposato dal 1983 con Annalena, sei figli, tra i discepoli prediletti di don Luigi Giussani, ha sempre vissuto tra Milano e Monza, con una parentesi di tre anni a Roma. Avviato alla carriera giornalistica come inviato de Il Sabato, nel 1995 fonda il settimanale Tempi, di cui è direttore fino al 2016. Firma numerosi articoli e commenti anche per Il Giornale e Il Foglio. Dal 2016 al 2021 è consigliere comunale a Milano. Muore improvvisamente il 19 ottobre 2021.

In libreria e sul sito
www.itacalibri.it

 

Articolo precedenteCorbetta: subito dimesso l’operaio caduto al cantiere
Articolo successivoTN dal mondo con Anna Bressanin autrice di “What’s Up “: un interessante spaccato sul mondo USA (VIDEO)