Giornate d’autunno Fai/1, il Parco del Ticino ‘apre’ le porte della Fagiana

225

 

 

MAGENTA Sabato 15 e domenica 16 ottobre 2022 tornano, per l’undicesima edizione, le Giornate FAI d’Autunno, il grande evento di piazza che il FAI – Fondo per l’Ambiente Italiano ETS dedica ogni anno, d’autunno, al patrimonio culturale e paesaggistico del nostro Paese, animato e promosso dai Gruppi FAI Giovani, con la partecipazione di tutte le Delegazioni, i Gruppi FAI e i Gruppi FAI Ponte tra culture diffusi e attivi in tutta Italia.

Anche in questa edizione i giovani volontari della Fondazione metteranno a disposizione la loro energia e il loro entusiasmo per aprire al pubblico 700 luoghi speciali in 350 città d’Italia, selezionati perché meritevoli di essere conosciuti e valorizzati e molti dei quali solitamente inaccessibili, dove verranno proposte visite – a contributo libero – che permetteranno ai partecipanti di cogliere lo splendore delle città in cui viviamo e dei territori che ci circondano. Una benefica immersione tra arte, storia e natura e anche una preziosa occasione per approfondire la missione del FAI e prendere consapevolezza, una volta di più, dell’immenso e variegato patrimonio di cultura e ambiente del nostro Paese. La manifestazione si inserisce nell’ambito della campagna di raccolta fondi “Ricordiamoci di salvare l’Italia” che il FAI organizza nel mese di ottobre e si svolgerà nel pieno rispetto delle norme di sicurezza sanitaria.
📌 In occasione di queste giornate FAI, il prossimo fine settimana, FAI – Delegazione Ovest Milano aprirà tre beni presso i comuni di Morimondo, Magenta e Busto Garolfo.
Sia sabato che domenica sarà possibile visitare, dalle 10 alle 17.00 con partenza delle visite ogni 60 minuti:
· PARCO RISERVA NATURALE ORIENTATA LA FAGIANA (Ponte Vecchio di Magenta)
Zona naturalistica Orientata La Fagiana: un’area di quasi 500 ettari nella valle del Ticino, in un contesto ambientale quasi del tutto intatto, dove le acque del fiume sono libere di esondare e creare ambienti umidi unici e peculiari, habitat ideale per diversi tipi di piante ed animali.
Il percorso, lungo circa 5 km, sarà un emozionante viaggio all’interno di una natura incontaminata, tra boschi, zone umide e una moltitudine di preziosi ecosistemi, da conoscere e salvaguardare.
DOVE: strada Valle, Ponte Vecchio di Magenta
(sul navigatore inserire Cascina Bullona, Magenta)
📍 Info: Ogni ora partirà un gruppo e il percorso durerà circa un paio d’ore. Il ritrovo è al Centro Parco “La Fagiana” a partire dalle ore 10 alle ore 16.30. A fare da Ciceroni e narratori lungo il percorso ci saranno gli studenti dell’IIS Einaudi di Magenta, specificatamente quelli iscritti all’indirizzo di Liceo Artistico.
📨 Per maggiori informazioni seguici sui nostri social, sul sito www.giornatefai.it oppure scrivi una email a ovestmilano@delegazionefai.fondoambiente.it
🎤 IL COMMENTO DELLA PRESIDENTE DEL PARCO CRISTINA CHIAPPA E DEL CONSIGLIERE FRANCESCA MONNO
“L’educazione ambientale passa anche da queste esperienze, dove arriviamo a coinvolgere le scuole superiori in maniera diversa rispetto al solito. E’ così che si apprende, sperimentando e raccontando la natura e stabilendo così un legame virtuoso tra essa stessa e chi la vive. Saranno infatti gli stessi ragazzi ad accompagnare i visitatori narrando in prima persona storia e ambiente naturale della bellissima Riserva La Fagiana. La grande eco mediatica su scala nazionale che le Giornate d’Autunno generano in modo fecondo da anni, inoltre, consentirà a un numero ancora più ampio di persone di conoscere il Parco del Ticino. E conoscere il Parco significa amarlo”, dichiara Cristina Chiappa- Presidente del Parco del Ticino.
“E’ stata avviata quest’anno una prestigiosa collaborazione tra il Parco del Ticino e il FAI, tale da consentire che il meraviglioso paesaggio della Riserva “La Fagiana” ed il Centro Parco vengano raccontati anche attraverso la loro storia, dai giovani Ciceroni dell’Istituto Einaudi di Magenta. Conoscere e raccontare- attraverso il sapere dei giovani- quale bene inestimabile per il futuro siano il rispetto dei luoghi e dell’ambiente è il patrimonio più importante che il Parco del Ticino diffonderà nei due giorni dell’iniziativa”, aggiunge il consigliere del Parco Francesca Lara Monno.
Articolo precedenteSequestro (preventivo) di 344mila euro all’ex coordinatore regionale FI, Paolo Romani
Articolo successivoCondanna di 4 anni all’ex sindaco di Cinisello Balsamo, Siria Trezzi (Pd)