Magenta: inaugurato il pronto soccorso pediatrico abbellito con i disegni degli animali del Parco Ticino grazie alle Stelle di Lorenzo (VIDEO)

266

MAGENTA Picchio, gufo, la lepre e tutti gli animali che popolano il Parco del Ticino. Ieri  il pronto soccorso pediatrico, operativo dal mese di marzo 2020 in piena emergenza covid, è stato ufficialmente inaugurato con questi nuovi disegni posti sulle pareti che vogliono rendere l’ambiente più sereno ed allegro per i bimbi in attesa sottoposti ad un inevitabile momento di tensione. Un’idea condivisa e resa possibile grazie alla donazione dell’associazione Le Stelle di Lorenzo Onlus presieduta da Tiziana Macchi.

“La scelta – spiega l’ex primario della Pediatria dottoressa Luciana Parola – è ricaduta sui nostri ambienti, quelli che caratterizzano il territorio in cui viviamo. Senza dover ricorrere a disegni quali elefanti, tigri, leoni. Nel futuro è nostra intenzione realizzare anche un piccolo giardino fuori dal pronto soccorso con le immagini della nostra pianura, in modo che si sentano in un ambiente familiare”.

Insieme alla dottoressa Parola e alla presidente Macchi, il progetto è stato condiviso dalla dottoressa Chiara Radice, dall’attuale primario della Pediatria Francesca Lizzoli, da Lucia Ferrario, Maria Rosa Lavorgna, Sabrina d’Angeri, Maddalena Meda e ha raccolto i favori del responsabile del pronto soccorso dottor Francesco Russo. “Anche se il nuovo giardino che andremo a realizzare avrà delle sponsorizzazioni – spiega la dottoressa Parola – qualsiasi donazione alla Fondazione dei 4 ospedali che avrà come causale ‘giardino pediatrico’ sarà utile per la causa. Un doveroso ringraziamento lo dobbiamo all’associazione Le Stelle di Lorenzo Onlus, sempre molto vicini all’ospedale, che ci hanno donato i fondi per la realizzazione del progetto”.

 

Articolo precedenteGiusta reprimenda di Tovaglieri (Lega) contro l’UE: solo auto elettriche dal 2035? Colpo mortale all’automotive italiano
Articolo successivoSedriano: accoltellamento in via Fagnani, 47enne finisce al San Carlo in codice giallo