Magenta, contributi alle Bande ridicoli. Lo sfogo di Imerio Castiglioni

390

RICEVIAMO & PUBBLICHIAMO – “Gentilissimi,

abbiamo sempre sostenuto che raccontare in musica con orgoglio la storia del 1859 e di quel 4 giugno, a testimonianza della veridicità che Magenta è la città della musica attraverso le realtà bandistiche a carattere volontaristico, sia da considerare con pari dignità e rispetto.

Con questo spirito, dal 2015, la nostra banda dei pompieri, iscritta agli albi associazionistici del comune di Magenta, ha promosso la conoscenza ovunque la stessa sia stata protagonista. Con grande impiego di tempo ed energie, ma con assoluto orgoglio e piacere, nel 2019 si costituiva la fanfara Alpini di Magenta esordendo nell’ambito dell’ adunata nazionale a Milano e durante le Celebrazioni per l’anniversario della Battaglia e la Rievocazione, uno dei principali elementi di promozione della Città.

Grazie anche allo Storico nome della nostra città, in questi anni, si hanno avuto rapporti e scambi culturali e musicali con enti italiani e stranieri di ogni ordine e grado, con istituzioni ed associazioni.

Abbiamo “raccontato” Magenta attraverso le presentazioni nei nostri concerti e interventi.

 

Oggi ci siamo chiesti se fosse stato giusto o meno partecipare all’evento in programma per questo 5 giugno come abbiamo sempre fatto.

Qualcuno di noi ha anche partecipato  in passato alle edizioni precedenti, a quella del 150° anniversario, a quello che ha visto il gemellaggio con l’omonima città francese, ecc.

Ma quest’anno la decisione di elargire un contributo così inadeguato e per nulla equo e di aver puntualizzato che le teorie sono insindacabili per scelta di chi governa, alla luce di questi fatti, i membri componenti delle due realtà musicali l’hanno ritenuto fuori luogo e irrispettoso per loro, quindi hanno deciso di NON partecipare all’edizione 2022 delle celebrazioni per la Rievocazione Storica del 4 giugno.

Ci si auspica che la futura amministrazione abbia più equa considerazione di TUTTE le associazioni che tengono alto il nome della città amata.

Auguriamo e ci auguriamo che tutti i cittadini possano comprendere la nostra scelta e che possano assistere alla manifestazione con la speranza che in futuro la stessa possa avere il giusto merito che gli spetta”.

 

  • Imerio Castiglioni (nella foto sotto con il compianto Cavalier Ambrogio Locatelli, storico rappresentante Abbiatense dei Fanti Piumati, nonché, stimato imprenditore del territorio. Nella foto in evidenza alla guida della Fanfara Alpina alla Memoria del professor Piercarlo Cattaneo)

 

 

 

 

Articolo precedenteZach Bryan – “American Heartbreak” (2022). By Trex Roads
Articolo successivoFiom-Lombardia: a rischio 20mila posti nella Regione