Fondazione Ticino Olona: per emergenza Ucraina e progetti sociali arrivano altri 84mila euro

343

 

LEGNANO 65060 e 9334 sono i nuovi numeri che si aggiungono all’iniziativa che la nostra Fondazione ha attivato per dare un contributo all’accoglienza dei profughi ucraini che giungono sul nostro territorio.

Precisamente 65.060,00 sono gli euro impegnati nell’approvazione degli 8 progetti da parte del CdA riunitosi il 17 maggio  [e che portano il totale finora stanziato a 111.310,00 euro] e 9.334,00 gli euro raccolti nelle ultime due settimane [che portano la raccolta complessiva a 19.534,00 euro]. E qui un grazie particolare va al Lions Club Legnano Host, al Museo Fratelli Cozzi Alfa Romeo e a Confindustria Altomilanese per le generose donazioni.

Ma trattasi di numeri ancora provvisori perché sono in arrivo nuove richieste di contributo e stanno per arrivare nuove donazioni che aspettano solo di essere formalizzate. Inoltre altre iniziative di raccolta sono programmate a cura di Enti del territorio. Al solito daremo le cifre precise al momento dell’accredito sul conto del Fondo emergenza ucraina.

Credo sia quindi doveroso ringraziare la nostra Comunità e la Fondazione Cariplo per essere a nostro fianco in modo sostanziale e determinante: la Comunità per le iniziative messe in atto e le donazioni fatte e la Cariplo per il raddoppio di queste ultime. Le donazioni arrivano da tutti i ceti sociali, organizzati e no, pubblici e privati, in una gara di solidarietà che rende davvero le Comunità un unicum quando c’è da fronteggiare situazioni gravi e fortemente problematiche.

Nella prima seduta dedicata all’emergenza ucraina il CdA, considerata la natura a sportello del bando emesso, aveva individuato delle priorità nell’assegnazione dei contributi e queste non prevedevano attività ricreative o ludiche e ciò non perché non fossero utili ma perché non possono essere considerate finalizzate a soddisfare i bisogni primari di un profugo che fugge dalla guerra e probabilmente ha perso tutto venendo qui da noi. Su questa base, nel corso dell’ultimo CdA, alcuni progetti non sono stati finanziati e gli Enti invitati a rivedere e ricalibrare i progetti stessi.

Salvatore Forte- Presidente Fondazione Ticino Olona

Articolo precedenteMagenta, domenica 29 l’orto inclusivo del Rotaract in villa Colombo
Articolo successivoIlmeteo.it: al Nord in arrivo temporali e trombe d’aria