Venerdì 20 la book trotter Francesca Sivori al Segnalibro di Magenta

96

 

 

Dopo essere stata intervistata da Salvo Sottile su RAI a I Fatti vostri, per Francesca Sivori, alias Liz Chester Brown, è la volta di TGSKY 24. (https://tg24.sky.it/lifestyle/2022/04/25/liz-chester-brown-libro)

MAGENTA Francesca Sivori non demorde e riparte nella sua veste di book trotter per promuovere e diffondere il suo libro “Io sono una famiglia – il gabbiano”.

Prossima tappa Magenta, la cittadina alle porte di Milano famosa ancora oggi per la battaglia del 1859 durante la Seconda guerra di Indipendenza.

L’appuntamento con Francesca Sivori e il suo libro è venerdì 20 maggio dalle ore 9.00 presso la Libreria Il Segnalibro di via Roma 87a.

 

La scrittrice è vincitrice di ben 18 riconoscimenti in Premi Letterari Nazionali e Internazionali, tra i quali il primo posto al Premio Maria Dicorato di Milano; il secondo posto al Premio Naos di Reggio Calabria; finalista al Premio Mario Soldati di Torino e al Premio Albero Andronico di Roma; Menzione di Merito al Premio Nazionale Alda Merini.

 

Alla Libreria Il Segnalibro, Francesca Sivori sarà a disposizione dei lettori per parlare del suo libro, dei due che sta scrivendo, di musica, e…della sua attività da book trotter.

Francesca Sivori infatti, nel 2021, ha percorso più di dodicimila chilometri con il bagagliaio della macchina pieno di libri e ha incontrato uno per uno i librai di tutta Italia che quindi hanno in vendita il suo romanzo autobiografico Io sono una famiglia – il gabbiano, distribuendo brevi manu 7.000 copie. Ognuno è stato l’inizio di una catena passaparola che ha portato a 2500 copie vendute in pochi mesi: senza agenti, senza case editrici, senza campagne pubblicitarie. Solo le parole e i passi dell’autrice, al suo esordio con un romanzo che illumina quelle zone oscure che si annidano nelle famiglie cosiddette normali.

Sullo sfondo di una Liguria arroccata tra cielo e mare, la vita quotidiana della famiglia Marsano, tra nascite, matrimoni, morti, visite ai parenti, studio, lavoro, scorre in una tranquillità solo apparente. In realtà, al suo interno, si annidano dolori e sofferenze di tutti i suoi componenti: da mamma Ada a papà Francesco e, di conseguenza anche ai tre figli.

Io sono una famiglia – il gabbiano, infatti, racconta con profondità e grande sensibilità un dramma familiare moderno; un dramma però che, con la leggerezza di un battito d’ali, non volgerà in tragedia grazie all’incrollabile forza dell’amore.  Arianna, la protagonista riuscirà a supplire la mancanza dell’amore materno affidandosi alla figura amorevole del padre, ad un amico prezioso e alla grande passione per la musica.

La musica, di fatto, è il fil rouge di tutto il romanzo: anche quando non se ne parla.

La si ritrova costantemente nel ritmo, nella musicalità dello stile della scrittrice che con serenità e tal volta ironia, riesce a rendere il racconto agile, sinuoso e godibile fino all’ultima pagina.

Francesca Sivori, musicista, la Arianna del libro, ha accostato la storia della sua vita al Notturno op. 48 n.1 di Fryderyck Chopin, vera colonna sonora del romanzo.

www.iosonounafamiglia.com

IG: lizchesterbrown

FB: Liz Chester Brown

 

 

Francesca Sivori, alias Liz Chester Brown

Classe 1960, Francesca Sivori è musicista. Per molti anni si è dedicata all’organizzazione e alla direzione artistica di eventi legati alla musica classica, a Genova e a Milano. Oggi lavora per l’orchestra AllegroModerato di Milano (www.allegromoderato.it)  come pianista conduttore nei laboratori di musica da camera. Ha fondato l’orchestra AM in Madagascar, a Diego Suarez.

Io sono una famiglia – il gabbiano è il suo primo libro. Ne ha in cantiere altri due.

Articolo precedenteMilano, via al processo alla 19enne accusata di terrorismo internazionale
Articolo successivo+Master Plan Malpensa 2035, il Parco Ticino dice NO