+Boffalora, bilancio da Nababbi: zero aumenti di tasse, 22 milioni di euro per opere pubbliche

395
Paolo Porta

 

BOFFALORA  Il bilancio pluriennale 2022-2024 non prevede nessun aumento di IRPEF, IMU e dei vari servizi a domanda individuale riconfermando le aliquote e le tariffe degli anni precedenti.

Nel 2021 registriamo la riduzione del debito comunale del 65% che ha comportato la riduzione degli interessi passivi del’83% (156.000 euro) rispetto al 2009 liberando risorse per la spesa corrente, e questo continuerà anche per il prossimo triennio, a dimostrazione che la politica iniziata dall’Amministrazione Trezzani sta dando i suoi frutti e questo ci sta permettendo di non tagliare servizi e di non incrementare imposte e tariffe dei vari servizi.

 

Il piano di investimenti non ha precedenti per il nostro Comune (4.200 abitanti) e forse anche per tutto il nostro territorio. Per il triennio 2022-2024 sono previsti 17.942.091 euro di investimenti quasi tutti già finanziati, 5.414.591 euro per il 2022, 11.513.500 euro per il 2023 e 1.014.000 euro per il 2024, che se sommiamo ai 7.541.352 euro già iniziati nel 2021 arriviamo a 25.483.443 euro. Il piano non sarà finanziato da mutui, ma dai finanziamenti di Regione Lombardia, dagli oneri di urbanizzazione dell’operazione Vetropack, dall’alienazione del terreno di Viale Industria e dai bandi Statali.

 

Gli interventi principali sono per l’ampliamento del cimitero per oltre 700.000 euro, la riqualificazione del Parco Mylius per oltre 1.400.000 euro finanziato interamente da Regione Lombardia, la realizzazione di piste ciclabili per 230.000 euro, la realizzazione di un Polo Scolastico per oltre 9.700.000 euro finanziato da Regione Lombardia tramite fondi Pnrr, manutenzioni straordinarie per quasi 600.000 euro, riqualificazione case di Via Calderari e Via Donizetti rispettivamente per oltre 400.000 euro e 291.000 euro, riqualificazione di Viale Industria per 700.000 euro, riqualificazione Via San Defendente e Via Magenta per oltre 950.000 euro, riqualificazione Centro Anziati per 180.000 euro e riqualificazione del Centro Storico per 950.000 oltre a molte altre opere di importo più piccolo.

 

Siamo molto soddisfatti di questo risultato perché è il frutto di un lavoro che viene da lontano, di coraggio e di idee chiare individuando dei progetti elaborati negli anni e mesi precedenti che ci hanno permesso di anticipare i tempi e di essere pronti a cogliere l’opportunità quando si è presentata. Con questi interventi vogliamo dare delle infrastrutture e dei servizi all’avanguardia ai nostri cittadini e alle nostre imprese oltre ad aumentare l’attrattività del nostro territorio, non meno importante, sarà anche il nostro contributo per sostenere l’economia e il lavoro del territorio con l’immissione di tutto questo denaro, dichiarano il sindaco Sabina Doniselli, l’assessore al Bilancio Paolo Porta e il gruppo di maggioranza.

Articolo precedenteNOVANTANNI di Abbiategrasso Città: domani via alla mostra in biblioteca
Articolo successivoE chi lo direbbe: Amazon perde quasi 4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2022