Pasqua: Autostrade per l’Italia garantisce stop ai cantieri…. ma dev’essere una fake news…. (Ha ragione Briatore)

161

“Lungo la rete di Autostrade per l’Italia a partire dalla giornata di oggi e fino a martedì 19 aprile, sono previsti flussi di traffico in sensibile aumento dovuti agli spostamenti per le festività pasquali favoriti anche da condizioni di bel tempo.

La circolazione sarà sostenuta fino a tutta la mattinata di sabato 16, soprattutto in uscita dai grandi centri urbani e lungo le principali direttrici che da Nord conducono alle località del Sud, come la A1 Milano-Napoli e la A14 Bologna-Taranto. La fase dei rientri sarà più concentrata, con traffico intenso in direzione opposta, a partire dal primo pomeriggio di lunedì 18 fino a tutta la giornata di martedì 19. Al fine di favorire gli spostamenti, Autostrade per l’Italia ha messo a punto un piano di gestione della viabilità che prevede, tra l’altro, la rimozione dei principali cantieri lungo i suddetti tratti autostradali, affinché tutte le corsie risultino disponibili al traffico già nel corso della giornata di oggi”.

La nota di Autostrade per l’Italia è di ieri e noi l’abbiamo volutamente pubblicata oggi, perché abbiamo voluto ‘provare sul campo’ la veridicità della notizia…. che purtroppo assomiglia molto ad una fake news….. Basti provare ad andare al mare in Liguria.  Quattro ore e mezza per percorrere poco piu’ di 250 KM code già sull’Alessandria Genova e poi ovviamente anche sulla Genova Ventimiglia per oltre 6 km – per lavori in corso – ma la perla sono anche i lavori in contemporanea sull’Aurelia….. Spiace dirlo ma ha ragione Flavio Briatore ad ‘incazzarsi’ e chissà cosa ne pensa il Ministro Massimo Garavaglia amante della ‘sua’ Liguria.  Ragazzi così non funziona…. altro che ripartenza del turismo. Abbiamo dei luoghi bellissimi ad un tiro di schioppo da casa…. ma non tutti hanno l’elicottero per raggiungerli….  

 

 

Articolo precedenteBià.Firmato il contatto con A2A: parte il completo rifacimento dell’illuminazione pubblica
Articolo successivoA Marcallo con Casone torna (in versione ridotta) l’Insubria Festival