Rescaldina & la sicurezza. L’ex Sindaco Cattaneo: “Non siamo il Bronx!”

98

RESCALDINA – Vi è chi afferma che la situazione è molto critica e chi, al contrario, afferma che si debba tenere alta la guardia ma senza esasperazioni. Il dibattito sul livello di sicurezza a Rescaldina ha acquisito in questi giorni ampia cittadinanza sui social e nelle discussioni tra cittadini dopo l’assassinio di un uomo nei boschi.

L’ex sindaco Michele Cattaneo, i giorni scorsi, ha sposato decisamente la seconda linea, quella di chi afferma: ok, la criminalità c’è ma Rescaldina non è il Bronx. Quindi guardia alta ma niente alzate di toni.
E, lungi dal limitarsi ad affermare che non occorra creare onde anomale non esistendone i motivi, e ha invitato tutti i cittadini  a partecipare alla pulizia dei boschi.
Perché poi a dire che a Rescaldina vi è emergenza aprendo il libro delle lamentazioni ci si mette lo spazio di un soffio, sembra essere il suo filo conduttore, ma poi indignarsi non porta lontano se non si reagisce in qualche modo e non  si dà il proprio contributo alla vivibilità in primo luogo occupando spazi  con iniziative concrete e sociali in modo tale da togliere spazio alla criminalità.
E, aggiunge Cattaneo, se vi è un discorso che non deve dividere, questo riguarda proprio la sicurezza dato che, quando vi è in ballo lei, destra, sinistra e centro devono convergere. 
“E invece no – ha aggiunto con amarezza in un post – qualcuno, quelli del paese pericoloso, dice che così diventa un’iniziativa di parte”.  Il centrodestra spinge sul concetto dell’emergenza ed evidenzia un concetto : occorre vigilare con maggiore attenzione perché ci sono zone del paese in cui la tranquillità non è di casa.  E i cittadini, appunto, si dividono.  Ma il contrasto all’emergenza criminalità presuppone unione. Perché in un contesto democratico il dibattito ci può, anzi, ci deve assolutamente stare. Ma la sicurezza è una per tutti e da tutti parte.
Cristiano Comelli    
Articolo precedentePasqua nell’arte del Sacro Monte di Varese
Articolo successivoAl Teatro Lirico di Magenta questa sera, mercoledì 13 aprile alle 21, ‘Mille e una notte’, Orchestre Vivaldi e Città di Magenta