+Dopo mesi di siccità ecco la grandine tra Milano, Novara e Piemonte

214

 

MILANO  Pezzi di grandine grandi come palline da ping pong, intere strade imbiancate come se fosse nevicato, ma anche vento e pioggia si sono abbattute venerdì nel Milanese.

In particolare, ad essere investita dal maltempo è stata la zona a Nord Ovest della città, ma anche i comuni dell’hinterland e quelli del Varesotto. Intense anche le grandinate nelle altre province lombarde, come nel Cremasco e nel Lariano. Diverse le chiamate ai vigili del fuoco per alcuni alberi fatti cadere dal vento.

Dopo oltre 110 giorni di siccità l’agricoltura piemontese subisce i danni del maltempo, a causa delle forti raffiche di pioggia e soprattutto delle grandinate che ieri pomeriggio hanno colpito vaste aree del territorio regionale. Nevicate fino a bassa quota, in Valle di Susa e nelle altre zone pedemontane, fino a Villar Perosa, alla periferia di Pinerolo e nell’alto Canavese, ma soprattutto grandinate intense, in particolare nel Torinese
Cuneese, Alessandrino e anche in provincia di Novara.

Le grandinate più rovinose si sono registrate nel Basso Torinese,  tra Chieri, Poirino, Pralormo, Carmagnola, nel Cuneese tra Fossano
Cervere, Bra, Cherasco, ma anche nel Saviglianese, nel Saluzzese nella zona di Revello e a Cavour in provincia di Torino.  Altri grandinate si segnalano nel Casalese, in provincia di Alessandria.

Articolo precedente+5 avvisi di garanzia per la tragedia della 15enne morta a Galliate
Articolo successivoFederfarma Lombardia: tamponi ancora a 15 euro