Parco del Ticino: una panchina rossa in Fagiana per ricordare l’8 marzo.. e il 25 novembre

80

 

 La presidente Cristina Chiappa dedica l’8 marzo a tutte le donne in prima linea, in particolare alle donne ucraine

Magenta  – In occasione della Giornata Internazionale della Donna  è stata posata ieri, 8 marzo, in  uno dei luoghi più significativi della Valle del Ticino, la Riserva la Fagiana,  una panchina rossa, fresca di restauro dei Grafici Enac C.F.P. Canossa di Magenta ,su  un progetto del Consiglio di Gestione del Parco del Ticino avviato lo scorso 25 novembre. 

 Un restauro ispirato alla storia delle sorelle Mirabal, Patria, Minerva e Maria Teresa , il cui nome in codice fu mariposas (farfalle) barbaramente uccise nella Repubblica Dominicana per mano del dittatore Rafael Leonidas Trujillo. È anche in ricordo di quel triplice femminicidio che dal 1999,  il 25 novembre di ogni anno è dedicato all’eliminazione della violenza contro le donne .

 “Lo scorso 25 novembre ci siamo chiesti cosa potesse fare il Parco del Ticino per celebrare le donne considerato la forte rappresentanza  femminile dell’Ente  – racconta la presidente del l’Ente, Cristina Chiappa – . E’  nata l’idea della panchina rossa sulla scia di quelle già posizionate in alcuni Comuni.  Abbiamo preso contatti con  i rappresentanti dell’Istituto Enac e con gli studenti  che si sono impegnati a ridare vita ad una delle panchine  collocate nella Riserva la Fagiana, il cuore del Parco, dove questo bel  messaggio di sarà visibile ai tantissimi frequentatori . Oltre al restauro, gli studenti hanno realizzato la targa e le farfalle di legno  in ricordo delle sorelle Mirabal , così che la loro triste  storia possa essere conosciuta . per l’inaugurazione  della panchina abbiamo volutamente  scelto la giornata dell’8 marzo che  vogliamo dedicare alle donne sempre in prima linea, quelle che  si battono per una posizione migliore nel mondo, in particolare per le donne Ucraine  che stanno combattendo una guerra e che ogni giorno lanciano messaggi di solidarietà”.

Il Consiglio di Gestione ringrazia l’Istituto Enac,  le insegnanti Paola Riccardi, Laura Pezzotti e Paola Politi   e gli studenti Emma Pastorello, Marco Radice e Thomas Giuffrida  che hanno dato voce alla storia  delle sorelle Mirabel che hanno ispirato il restauro della panchina

La cerimonia si è chiusa con  the e mariposas, biscottini realizzati  dai pasticceri Enac C. F.P. Canossa con farina di farro offerto dall’azienda agricola Cirenaica del Consorzio produttori agricoli a marchio Parco Ticino. Alla cerimonia erano presenti anche i consiglieri del Parco Francesca Lara Monno e Massimo Braghieri.

Articolo precedenteMagenta, Pierrettori e la Pro Loco: niente figuranti della Battaglia per la Milano Torino
Articolo successivo+Caritas Ambrosiana, 930 famiglie pronte ad accogliere i profughi ucraini