Il commercio 4.0. Lo studio del POLIMI: il negozio da fisico a sempre più digitale

146

Il personale dello store si dedica non più esclusivamente alle attività di negozio, ma anche alle mansioni in ambito digital come la preparazione degli ordini online

 

MILANO – E’ il negozio fisico a rimanere il cuore pulsante della trasformazione omnicanale del Retail, grazie a soluzioni tecnologiche in grado di integrare il negozio con l’eCommerce. Cambiano pelle, inoltre, gli spazi fisici di vendita, grazie alla realizzazione di aree dedicate alla preparazione degli ordini eCommerce e di spazi riservati al ritiro o al reso degli acquisti online. Si trasforma, infine, il ruolo del personale in store, dedicato non più esclusivamente alle attività di negozio, ma anche alle mansioni in ambito digital (come la preparazione degli ordini online) e al consolidamento da remoto della relazione con i consumatori.

 

Queste alcune delle evidenze emerse dall’Osservatorio Innovazione Digitale nel Retail, promosso dalla School of Management del Politecnico di Milano e giunto alla sua ottava edizione, in occasione del convegno ”Il digitale nel Retail: dall’idea all’azione”.

La digitalizzazione del negozio fisico non è unicamente legata all’integrazione con l’online. Vengono infatti perseguiti anche altri obiettivi, in primis quello di garantire il rispetto delle norme anti-contagio: le soluzioni più diffuse sono i sistemi di prenotazione da remoto della visita in store (implementati nel 2021 dal 21% dei top retailer italiani) e le piattaforme di gestione virtuale delle code (6%).

Molto interesse gravita anche attorno alle innovazioni in grado di semplificare e rendere più consapevole l’esperienza del consumatore in negozio, come i chioschi digitali (17%) e i cartellini e le scaffalature smart (13%). Un’altra area di grande fermento è rappresentata dal punto cassa: da un lato si lavora su modalità di pagamento più sicure e rapide, come il contactless payment (19%); dall’altro su sistemi di cassa evoluti per rendere più autonoma l’esperienza di check-out (13%).

Articolo precedentePost Covid: nei guariti l’infiammazione resta, ma aiuta gli anticorpi post vaccino
Articolo successivoPopolo della Famiglia: denunce anche a Pavia e dintorni contro l’obbligo vaccinale