All’ospedale di Rho nasce il centro diagnosi delle malattie infiammatorie croniche

149

 

RHO All’Ospedale di Rho è nato il centro MICI, un centro di eccellenza per la diagnosi e la cura delle Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali. L’incidenza delle MICI, o IBD da inflammatory bowel disease, (che comprendono la malattia di Crohn, la rettocolite ulcerosa, con alcune forme di cosiddetta colite indeterminata (IBD-U), è in continuo aumento e colpisce indifferentemente dai primi mesi di vita all’età senile, con una maggiore incidenza nella fascia di età giovane-adulta.

Le MICI sono patologie caratterizzate da un andamento altalenante, con fasi di riacutizzazione e di emissione molto variabili in termini di durata e intensità,  si sviluppano verosimilmente a partire da un assetto genetico predisponente che interagisce in combinazione con una serie di fattori ambientali (ad esempio fumo di sigaretta, infezioni, utilizzo di alcuni farmaci, stili di vita). Le MICI hanno un significativo impatto sulla qualità di vita dei pazienti affetti, con forti ripercussioni negative sulla sfera relazionale, professionale, sociale e affettiva proprio per il fatto che la maggior parte riceve una diagnosi in età giovane-adulta e la malattia persiste per tutta la vita. Esse costituiscono uno dei campi in cui maggiormente si concentrano gli sforzi e i finanziamenti della ricerca biomedica, sia per quanto riguarda la sperimentazione di nuovi farmaci, sia per quanto riguarda le innovazioni tecnologiche e chirurgiche.

Il Centro MICI dell’Asst Rhodense costituisce un importante punto di riferimento, regionale e nazionale,  grazie alla corretta ed appropriata presa in carico dei pazienti per i quali viene individuato un percorso di cura “personalizzato” atto a garantire, attraverso un approccio multidisciplinare, la migliore qualità di vita. Il Centro è dotato di strumentazioni all’avanguardia e di competenze multiprofessionali quali  gastroenterologi, anatomopatologi, radiologi, chirurghi, oncologi, pediatri, reumatologi,  infettivologi, oculisti, psicologi, dermatologi, nutrizionisti, fisiatri, stoma-terapisti e personale infermieristico specializzato, per offrire il più alto livello qualitativo per la diagnosi e la cura di tali patologie. Particolare rilevanza viene data alla fase di riabilitazione post-intervento, che prevede la presa in carico da parte di specialisti dedicati ed esperti nella gestione delle stomie e nella rieducazione del pavimento pelvico. Al Centro afferisce un ambulatorio dedicato alla riabilitazione, a cui i pazienti vengono indirizzati dai clinici, proprio nell’ottica della completa presa in carico.

Il paziente affetto da queste patologie può contattare il numero 02 994303011 per fissare un appuntamento di prima visita gastroenterologica durante la quale riceverà tutte le  informazioni relative all’organizzazione del percorso personalizzato.

Articolo precedenteTrecate: 10 posti per il servizio civile alla Croce Rossa (tempo fino al 10 febbraio)
Articolo successivo#SANREMO SU TN… DAL DIVANO – Il Festival di San Remo non canta italiano