+Pillola anti Covid di Pfizer, lo studio del San Raffaele: ‘Risultati positivi’

102

 

MILANO  Per le terapie anti-Covid, come la pillola Pfizer distribuita oggi, “sarebbe utile che oltre ai dati di registrazione ci fossero, appena possibile, anche importanti dati clinici che supportino la reale efficacia della terapia.

 

E’ bene quindi che ci sia un aiuto terapeutico per evitare i casi gravi, e salutiamo con ottimismo questo nuovo strumento. Speriamo che i risultati di utilizzo sul campo confermino le capacità di evitare la malattia e i decessi. Ovviamente lo scopriremo utilizzando questa pillola”. A dirlo all’Adnkronos Salute Carlo Signorelli, docente di Igiene e sanità pubblica all’università Vita-Salute San Raffaele di Milano.

Articolo precedenteBareggio, troppi disservizi: il sindaco Colombo scrive alle Poste
Articolo successivoViolenza sessuale su minori: 58enne milanese condannato (nuovamente) a 8 anni di carcere