+Meteo: Nord Ovest stretto in una morsa di alta pressione e siccità

104

 

MILANO   “È un fine settimana dominato dall’alta pressione e quindi da una diffusa stabilità atmosferica – affermano i meteorologi di IconaMeteo.it -. La massa d’aria mite che accompagna l’anticiclone ha determinato un generale rialzo delle temperature verso valori sopra le medie stagionali, con le anomalie più marcate sulle aree alpine.

L’aria ferma nei bassi strati favorisce anche l’accumulo di inquinanti e umidità con un maggior rischio di nebbie nelle prossime nottate sulla Val Padana centro-orientale, sulle coste dell’alto Adriatico e al Centro tra Toscana, Umbria e Lazio.

Il passaggio di un debole disturbo in quota nella giornata di lunedì, responsabile di qualche annuvolamento in più al Sud, non cambierà sostanzialmente la situazione anche per i prossimi giorni, con l’alta pressione che dovrebbe persistere e proteggere l’Italia per tutta la prima parte della prossima settimana.
Piogge e neve faranno ritorno sull’Italia a partire da giovedì, coinvolgendo soprattutto il Centro-Sud, e per venerdì si profila un brusco e sensibile calo delle temperature dovuto all’irruzione di una massa d’aria molto fredda di origine artica”.

Prosegue inoltre la siccità al Nord: preoccupa soprattutto la situazione delle regioni nord-occidentali, che nel mese di dicembre hanno visto arrivare meno della metà delle precipitazioni tipiche del periodo. Secondo gli esperti c’è il rischio che questo stallo si protragga ancora a lungo. “Le cause sono da ricercare in un tipo di circolazione, cosiddetta ‘di blocco’ – spiega il meteorologo Simone Abelli di IconaMeteo.it – che si verifica quanto l’espansione di un robusto anticiclone verso le alte latitudini interrompe il flusso di correnti occidentali che normalmente caratterizza le medie latitudini. Ci sono diversi tipi di configurazione di blocco a seconda del posizionamento del centro anticiclonico e dell’orientazione del suo asse, e almeno fino alla fine di gennaio si profila uno scenario con l’alta pressione posizionata mediamente fra il Nord Atlantico e l’Europa centro-occidentale, che costituirà un vero e proprio muro invalicabile nei confronti dei sistemi nuvolosi atlantici diretti verso il nostro continente e il Mediterraneo.
In queste condizioni il tempo sull’Italia (e su gran parte dell’Europa occidentale) resterà prevalentemente stabile, mentre sull’Europa orientale prenderanno vita correnti settentrionali molto fredde e a tratti anche perturbate. Di tanto in tanto, a seconda dell’entità dei temporanei spostamenti verso ovest dell’asse dell’anticiclone, queste correnti fredde andranno a interessare anche le nostre regioni, ma gli eventuali impulsi perturbati, a causa della presenza della barriera alpina, non potranno fare altro che saltare il Nord Italia finendo per interessare il Centro, specie il lato adriatico, e le regioni meridionali. Così questo gennaio rischia di chiudersi con un grosso deficit pluviometrico al settentrione, specialmente al Nord-Ovest, maggiormente protetto dalle cime più elevate dell’arco alpino”.

Articolo precedente+Statistica medica: la curva Covid inizia a scendere
Articolo successivo+Cassinetta, Albairate e Cisliano: tutti a scuola, ma sull’ordinanza i sindaci… Cassinetta, si dimette capogruppo di maggioranza?