Abbiategrasso, Bussolati e Gillerio sollecitano il raddoppio della Mi-Mo

122

ABBIATEGRASSO  Il consigliere regionale del PD Pietro Bussolati insieme al segretario del Partito Democratico di Abbiategrasso Andrea Gillerio torna a sollecitare la giunta regionale sulla realizzazione del raddoppio della linea ferroviaria Milano Mortara, bloccata ormai da anni.

 

In Regione, a firma Bussolati, è stata presentata una interrogazione all’assessore ai trasporti Claudia Terzi, da cui è appena arrivata una risposta ancora non soddisfacente.

“Il raddoppio è un’opera necessaria e la Regione non può lasciarsi sfuggire l’occasione del PNRR per dare una risposta agli utenti di quella linea ferroviaria, che è una delle più problematiche in Lombardia – dichiarano Bussolati e il segretario PD di Abbiategrasso Andrea Gillerio – tenendo conto, inoltre, della compatibilità con l’abitato di Abbiategrasso, che ha la stazione in pieno centro storico. Preso atto che non ci sono le condizioni per l’interramento, che era l’indicazione anche del Comitato interministeriale per le opere pubbliche del 2006, una soluzione va trovata, superando un’impasse che dura da troppo tempo. A fine dicembre si è svolto un incontro tra Comune di Abbiategrasso, Regione Lombardia e RFI che non ha dato alcun chiarimento in riferimento a ciò che l’assessore definisce ‘il miglior inserimento possibile dell’opera nel territorio’. Chiediamo garanzie su un reale coinvolgimento delle opposizioni e della cittadinanza per l’individuazione delle migliori soluzioni non solo dal punto di vista tecnico, ma anche a tutela del valore del paesaggio e dei beni culturali del tessuto urbano di Abbiategrasso. I disagi quotidiani per i pendolari continuano ad essere enormi. Sarà fondamentale avere rassicurazioni anche sugli investimenti che Trenord dovrà programmare sul materiale rotabile e sul personale per rendere effettivamente efficace la realizzazione del raddoppio”.

Articolo precedenteParabiago, il ricordo commosso di Eugenia Belloni di sindaco e Comune
Articolo successivoL’omelia del Cardinale Zuppi per David Sassoli, distillato puro di cattolicesimo democratico