Cisl emergenza Covid: confermare tutele emergenza, quarantene, Cig e congedi

202

 

ROMA –  La Cisl chiede al Governo di confermare almeno fino al 31 marzo tutte le tutele previste per l’emergenza epidemiologica come la cassa integrazione, la quarantena equiparata alla malattia e il congedo per i genitori costretti a casa accudire un figlio positivo al Covid.

”Tutte le tutele per i lavoratori messe in campo durante l’emergenza – spiega il segretario confederale della Cisl Angelo Colombini – vanno mantenute fino alla fine dell’emergenza per ora prorogata da fine 2021 a marzo”. Al momento non c’è stata risposta dal Governo neanche sulla lettera inviata unitariamente da Cgil, Cisl e Uil a fine anno sulla tutela dei lavoratori fragili. ”Bisogna aggiornare i protocolli sulla sicurezza – avverte – e rilanciare la vaccinazione. Non basta obbligare gli over 50, l’obbligo dovrebbe valere per tutti i maggiorenni”.

 

 

A tre giorni dalla riapertura delle scuole dopo la pausa natalizia, sottolinea Colombini, si pone il problema sia della sicurezza sia della sostituzione dei lavoratori positivi che a fronte di 200mila contagi al giorno saranno molti. Si rischia in alcuni casi di andare a scuola e di dover tornare a casa perché le classi sono scoperte ma anche la Dad rischia di essere un problema, sia in assenza di congedi per i genitori a fronte di bambini lasciati a casa sia per i problemi che questa può causare soprattutto per le famiglie più povere e in difficoltà

 

Articolo precedenteTony Logue – “Jericho” (2021) by Trex Roads
Articolo successivoPaullese chiusa per lavori tra il 10 e l’11 gennaio dalle 22 alle 6 del mattino