Il Consorzio ETVilloresi approva il bilancio preventivo 2022

112

Il Presidente Alessandro Folli: “Nonostante la pandemia l’ente si consolida ancora”

 

MILANO – Nella seduta del 14 dicembre il Consiglio di Amministrazione del Consorzio Est Ticino Villoresi (ETVilloresi) ha approvato il Bilancio preventivo 2022 (bugdet) che prefigura, per il prossimo anno, il proseguimento in continuità di quanto sinora realizzato.

L’Ente seguiterà infatti il percorso intrapreso di adeguamento delle proprie strutture organizzativedelle procedure operative e delle dotazioni tecnologico-informatiche ai fini di potenziare l’efficacia e l’efficienza di gestione, migliorare i servizi per i consorziati e gli enti territoriali, rispondere opportunamente alle varie esigenze dettate dalle funzioni più innovative, affiancatesi nel tempo a quelle tradizionali.

Destinate ad ulteriore sviluppo saranno le attività svolte per conto di Enti terzi (in primis Regione LombardiaComune di Milano e altri enti attivi sul territorio), oltre a quelle consuete di esercizio e manutenzione della rete consortile e di valorizzazione patrimoniale.

La formazione del budget 2022 è stata attuata con l’intenzione di mantenere il sostanziale equilibrio raggiunto delle partite correnti. Tale obiettivo viene sempre più richiesto, unitamente al rispetto delle normative in materia di appalti, privacy, anticorruzione, sicurezza sul lavoro e buone prassi amministrative, per poter accedere ai finanziamenti regionali, statali e comunitari.

D’altro canto l’Ente si dovrà confrontare con la necessità di far fronte alla tendenza, crescente, dei costi operativi – originati dall’inflazione per esempio o dagli aumenti dei costi del personale legati alla contrattazione collettiva o ancora dall’impennata dei costi delle materie prime (rispetto ai quali le imprese appaltatrici potranno richiedere anche compensazioni) – limitandone l’impatto sugli adeguamenti dei contributi consortili.

 

L’esercizio 2022 vedrà ancora impegnato ETVilloresi in una serie di azioni strategiche e di sviluppo connesse, in particolare, ai finanziamenti acquisiti per interventi sulla rete propriala rete in concessione e per le opere di difesa del suolo. Il Consiglio di Amministrazione consortile ha deciso di destinare alla manutenzione straordinaria del reticolo parte dell’utile di esercizio che si registrerà al fine di ovviare ai ritardi manutentivi dovuti alla restrizioni introdotte dal 2020 per effetto della pandemia in corso.

Le ormai consolidate politiche di bilancio hanno nel complesso determinato sinora comunque un ulteriore sensibile miglioramento della situazione patrimoniale dell’Ente, che permetterà di assorbire, senza significativi aggravi per la contribuenza, la passività della gestione commerciale determinata dai lavori triennali di ammodernamento del Canale Villoresi, in attuazione grazie ad un finanziamento statale di circa 20 milioni di euro.

Con l’approvazione del Bilancio di previsione, pur nelle evidenti insicurezze dell’attuale situazione economica, vengono comunque garantite alla struttura consortile le risorse per svolgere al meglio le attività istituzionali ed accrescere ancor più in prospettiva la solidità dell’Ente.

E’ evidente come la pandemia in corso continui purtroppo a produrre i propri effetti. Solo per fare un esempio  il rincaro delle materie prime, dovuto all’inflazione, sta condizionando le attività nei nostri cantieri ma nonostante tutto, nonostante le difficoltà legate alla ripresa, l’Ente non solo è resiliente ma si sta rivelando ancora una volta estremamente reattivo, in grado di fronteggiare gli imprevisti dovuti all’incertezza della situazione generale grazie ad una amministrazione lungimirante e determinata a raggiungere gli obiettivi di volta in volta  fissati” questo il commento del Presidente del Consorzio Alessandro Folli all’approvazione del Bilancio preventivo 2022.

 

La vecchia guardia che resiste e da cui i giovani devono imparare tanto: nella foto sopra il Presidente Sandro Folli con il vice Sindaco di Abbiategrasso Roberto Albetti, due politici del territorio dell’est Ticino che non mollano, anzi che grazie alla loro passione e competenza, sono di esempio per le nuove generazioni.

Articolo precedenteParabiago: un concorso d’idee per l’area Rede
Articolo successivoDomenica il mercato contadino arriva a Busto Arsizio