Castano Primo: scoperto con la cocaina oppone resistenza, fermato dalla Polizia locale

224

CASTANO PRIMO Gli agenti della Polizia locale del Comando Intercomunale di Castano Primo e Nosate nel pomeriggio di ieri hanno proceduto nel centro cittadino di Castano al fermo di un pregiudicato italiano, il quale oltre ad essere alla guida con patente revocata, veniva trovato in possesso di sostanza stupefacente ed armi da taglio.

Il soggetto, con precedenti penali anche per spaccio di sostanze stupefacenti era  già stato notato alla guida di un autoveicolo nei giorni precedenti, ma sistematicamente alla vista degli agenti si era dato alla fuga, creando pericolo sia per gli astanti sia per gli altri automobilisti.

Nel pomeriggio di ieri, quando scattava l’”Alert” del sistema di videosorveglianza comunale ad aspettarlo in un punto di passaggio però c’era già il Vice Comandante del Corpo di Polizia locale Castanese, il quale dopo averlo fermato veniva prontamente raggiunto da un Istruttore di Difesa e Tiro e da un Sovrintendente in forza all’Ufficio di piazza Mazzini.

L’uomo, già noto agli operanti, peraltro recidivo per la guida senza patente, veniva invitato a consegnare eventuale stupefacente in suo possesso, ma questi negandone il possesso cercava di gettare via all’interno di una caditoia delle dosi di cocaina che occultava in una tasca, prontamente  fermato e recuperata la sostanza stupefacente, l’uomo vistosi quindi scoperto, opponeva resistenza attiva contro gli operanti ma veniva celermente bloccato ed accompagnato presso il Comando ove sottoposto a perquisizione personale veniva rinvenuta altra sostanza stupefacente di tipo cocaina nonché un quantitativo di denaro contante, seppur trattasi di soggetto ufficialmente disoccupato. La successiva perquisizione veicolare e domiciliare permetteva di rinvenire altra sostanza stupefacente di tipo hashish, nonché due armi da taglio occultate all’interno del mezzo.

Di concerto con il PM di turno veniva cosi deferito all’Autorità Giudiziaria, lo stupefacente e le armi sequestrate ed il veicolo confiscato, oltre alle sanzioni amministrative al CDS. (comunicato ricevuto)

Articolo precedenteLa Chiesa di San Bernardino di Sedriano trasformata nella capanna di Betlemme
Articolo successivoMagenta, emergenza Covid, nuovi aiuti alle famiglie