Ragazzi davvero special per un pomeriggio di sport, aggregazione e sensibilizzazione: è il “Novara for Special”

503

Perché una partita di calcio serve per divertirsi e stare insieme, anche se diversi

BELLINZAGO NOVARESE (NO) – Un pomeriggio di sport e divertimento, ma soprattutto di altruismo. E’ quello che hanno trascorso le ragazze Under 19 e la prima squadra del Bulè Bellinzago che hanno incontrato i ragazzi del Novara For Special, evento promosso a favore dei ragazzi diversamente abili, da Novara Calcio che collabora con l’ASD Ticinia Novara.

Come per le partite importanti, stadio illuminato e fischio di inizio alle ore 18.00. Presso lo stadio di Bellinzago Novarese si è infatti disputata una partita molto speciale, per rinnovare così la vicinanza e il sostegno ai ragazzi del Team di Daniele Colognesi.

È stata un’iniziativa che ci sta particolarmente a cuore – ha confermato Luigi Blasi, presidente del Bulè Bellinzago – perché ci insegna che questo sport non è solo dare un calcio al pallone, ma rappresenta un’opportunità per i ragazzi speciali. Abbiamo aderito con entusiasmo e ci piace pensare che, al di là del punteggio finale della partita, abbiano vinto tutti i ragazzi e le ragazze in campo, ottimo esempio di inclusione e di rispetto, valori in cui crediamo molto nello sport e nella vita”.

Questo è proprio quello che si è respirato durante l’incontro, che non è l’unico esempio sul territorio.

I rapporti con il presidente Daniele Colognesi ci ha portato a svolgere ogni anno un incontro come quello disputato sabato, solitamente contro i nostri allievi, questa volta per la prima volta con le ragazze. Inoltre, in qualità di ex giocatore del Novara, ho di recente ho partecipato alla partita dei tifosi in cui sono scese in campo le “Vecchie Glorie”, sempre con lo stesso spirito di sensibilizzare all’accoglienza della diversità”, ha concluso Blasi.

Bravi ragazzi! e brave ragazze!!!

Articolo precedenteMagenta, Circolo Culturale Sardo si avvicina il momento della donazione
Articolo successivoSpandimento di fanghi da depurazione vietato in 174 comuni lombardi, c’è anche Sedriano