++Ossona nel caos: bande di ragazzi ubriachi (da tempo), famiglie esasperate (VIDEO)

698

 

 

OSSONA Ci arriva da alcune famiglie di Ossona una segnalazione di palese impotenza di fronte a un triste fenomeno di maleducazione, disagio giovanile che si trascina da anni (e non da mesi).

Il video che postiamo è stato realizzato nelle scorse settimane da alcuni residenti nella zona di via Madre  Teresa di Calcutta: una quindicina di ragazzi, visibilmente alterati, a tarda ora accende un fumogeno e si lancia in urla ben udibili, considerata l’ora.

E’ accaduto di recente ma è soltanto l’ultimo di una lunga serie di episodi di cattivo, anzi pessimo gusto.

Dai palazzi e dai residenti continuano a lamentarsi della situazione. Parliamo del resto di una zona ridosso di centro, chiesa e scuole elementari.

Da quello che filtra, le famiglie non intendono certo  impedire ai ragazzi di ritrovarsi nel larghi spiazzi fra le palazzine di via madre Teresa di Calcutta. Quello che tuttavia li disturba sono i vandalismi, la mancanza di educazione, le urla e il rumore prodotto fino a tardi, la sporcizia che lasciano nelle aree private e pubbliche del piazzale, bottiglie di birra e alcolici un po’ ovunque.

La situazione si trascina da anni, anche da prima dell’arrivo della pandemia del covid 19, a momenti alterni. I carabinieri e la polizia locale- a quanto ci dicono sempre i residenti- sono usciti molte volte, rispondendo alla chiamata dei residenti esasperati. In un caso, tempo fa- per disperderli- sarebbe stato usato anche un altoparlante.

Ossona non è l’unico paese del Magentino dove si verificano episodi del genere, che dopo la pandemia sono stati segnalati da altre parti. Tuttavia, si tratta di una situazione che appare più pesante rispetto ad altre. Pertanto, un supplemento di attenzione da parte di chi deve (in primis le forze dell’ordine) forse sarebbe opportuna.

 

Articolo precedentePaderno Dugnano, prelevano con Bancomat rubato: i Cc arrestano tre bulgari
Articolo successivoMilano, al Pac mostra sui disturbi alimentari giovanili fino al 24 ottobre