17 milioni da Regione Lombardia per allevamenti bovini e suini

210

 

MILANO  Allevamenti bovini e suini stressati dalla siccità prima e dai rincari poi, sono a rischio collasso. Per questo l’assessore all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi lombardo Fabio Rolfi ha annunciato che la Regione Lombardia ha avviato le procedure per la modifica del programma di sviluppo rurale 2014-2020 per attivare la misura che prevede un sostegno temporaneo eccezionale a favore di agricoltori e Pmi particolarmente colpiti dalle conseguenze della guerra.

“L’aumento dei prezzi dell’energia, dei concimi e dei mangimi- ha sottolineato l’assessore- sta mettendo in ginocchio intere filiere”, dunque la Regione Lombardia avvia le procedure per una misura specifica volta a fornire un sostegno temporaneo eccezionale. “Una previsione di spesa di 17,4 milioni di euro per due settori che più di altri stanno sentendo gli effetti della guerra in Ucraina: il suinicolo e quello del bovino da latte di montagna”, spiega Rolfi. In sostanza, “metteremo in campo le stesse modalità di intervento fatte ai tempi del Covid: liquidità immediata a burocrazia zero per far respirare le imprese. Abbiamo l’obiettivo di aprire il bando- afferma- già nelle prossime settimane”. La Regione Lombardia ha un sistema agricolo che dipende significativamente dalla fornitura di energia, prodotti fitosanitari, concimi e mangimi. Pertanto, le imprese agricole lombarde registrano problemi in termini di redditività. La misura prevede per le aziende suinicole un sostegno da 7.000 euro (per imprese fino a 500 uba) e 15.000 euro per le imprese con più di 500 uba allevati. Per le aziende di latte situate in montagna il contributo è di 5.000 euro (fino a 30 uba allevati) o 10.000 euro (oltre i 30 uba).

Articolo precedenteChi è a favore del nucleare in Italia?
Articolo successivoAci e Lega: moratoria per diesel euro 5 a Milano