11 giugno: ai Sindaci di centrosinistra subentreranno i grillini? O no…visto lo scarso appeal che M5S ha nell’Altomilanese

81

ALTOMILANESE – Gli aggettivi ‘centrosinistra’ e ‘centrodestra’ hanno esaurito la loro funzione storica di identificazione e, il prossimo 11 giugno, vedremo se gli attuali sindaci di centrosinistra saranno in grado di ‘resistere’ ai cambiamenti politici in atto. Però, anche i grillini, qui da noi, non hanno un grande appeal….sono votati dai giovani che un tempo votavamo a sinistra, ma oggi è cambiato il mondo e i loro voti non bastano a produrre il cambiamento.
Si vota a Canegrate (Roberto Colombo), Cuggiono (Flavio Polloni), Magnago (Carla Picco), Vanzaghello (Leopoldo Giani,), Legnano (Alberto Centinaio), San Giorgio su Legnano (Walter Cecchin) Magenta (Marco Invernizzi) e Abbiategrasso (Arrara,). Con la probabile esclusione di Giani (il cui posto sarà preso da Gualdoni), tutti gli altri sindaci, indicati con i nomi tra parentesi), tutti del centrosinistra, sono pronti per il bis. Ecco il punto della situazione a un mese dalla consultazione:
LEGNANO (60 mila abitanti) – Alberto Centinaio (Pd), Giambattista Fratus (Lega Nord), Andrea Grattarola (M5S), Ornella Ferrario (Polo Civico) e altre due liste minori (capeggiate da Juan Pablo Turri e Luciano Guidi) si contenderanno palazzo Malinverni. Il candidato per il centrodestra, nonostante abiti a Castano Primo, GB Fratus, è stato già vicesindaco della città del Carroccio, ma nel 2012, con la sola bandiera leghista inalberata, perse le elezioni rimanendo così consigliere d’opposizione. Ora ci riprova con l’intero centrodestra (a cui hanno aderito altre liste), per cui potrebbe avere maggiori chances per battere il sindaco uscente, Alberto Centinaio. Altri vincitori potenziali sono Andrea Grattarola (classe 1991) per M5S, ma da nell’Altomilanese di sindaci grillini, finora, non ne abbiamo visti. In lizza c’è anche ‘Alternativa Popolare’ (il vecchio Ncd) che nel territorio trova riferimento in Luca del Gobbo, già sindaco di Magenta e oggi assessore regionale alla Ricerca.
CUGGIONO (8800 abitanti) – Il centrosinistra ha come candidato Flavio Polloni, che non ha certamente brillato nel governo del paese. Forse è anche per questo motivo che Agorà (la lista civica, fondata da Abramo Bellani qualche decennio fa, ha i suoi riferimenti nel mondo associativo) ha deciso di correre da sola con candidato sindaco Claudia Lorenza Pallanca. Il centrodestra si presenta unito con la candidata sindaco nella figura di Maria Teresa Perletti.
MAGNAGO (9200 abitanti) – Nelle scorse elezioni Carla Picco (Pd) è arrivata quasi al 40% e conquistato il Comune dopo 13 anni di centrodestra. Stavolta il centrodestra ha trovato l’unità nell’architetto Paolo Bonini (Fi), 60 anni, già vicesindaco, mentre M5S ha presentato alla carica di primo cittadino Emanuele Brunini, 35 anni, sposato con due figli. Brunini è certamente la novità nel quadro politico magnaghese. Si è laureato in infermieristica all’Università dell’Insubria e ha lavorato all’ospedale di Varese, mentre dal 2011 è dipendente del nosocomio di Legnano.
SAN GIORGIO SU LEGNANO.. Centrodestra diviso e quindi sarà difficile battere il sindaco uscente Walter Cecchin sostenuto da una lista civica e distintosi per la tenacia a perseguire l’interesse comunale nei riguardi dei canoni delle reti gas. L’architetto Carlo Maria Tatti, 54 anni, correrà per la sola Lega Nord, mentre Forza Italia presenta Alberto Turturiello.
MAGENTA (23 mila abitanti). Battere il sindaco uscente Marco Invernizzi sarà difficile per il centrodestra, guidato da Chiara Calati, ma anche per M5S che presenta candidato sindaco, Giovanni Caso, un ingegnere napoletano, arrivato a Magenta trent’anni fa. Silvia Minardi, figura storica della politica magentina, guiderà una lista civica.
CANEGRATE. Un centrodestra spezzettato in due liste apre la strada alla riconferma del sindaco uscente di centrosinistra Roberto Colombo. Difatti, Arianna Padula, 24 anni, si presenterà per Forza Italia, mentre Diego Conti sarà sostenuto da tutto il resto del centrodestra.
ABBIATEGRASSO. Il sindaco uscente, Pierluigi Arrara (centrosinistra), ha lasciato spazio al suo giovane assessore Emanuele Granziero, che dovrà vedersela con Cesare Nai (centrodestra), Barbara De Angeli (5 Stelle) e Domenico Finiguerra (Cambiamo Abbiategrasso).

FOTO Flavio Polloni e Carla Picco, entrambi del Pd, in una manifestazione di qualche anno fa

Articolo precedentePontenuovo e la Variante: i divieti non fermano la protesta
Articolo successivoPensieri Talebani – Il tramonto di Chavez (e del bolivarismo)